de fr it

Weiach

Com. ZH, distr. Dielsdorf; (1271: Wiâch). Villaggio situato a sud del Reno, al confine con la Germania e il cant. Argovia. Pop: 16 fuochi nel 1470, 360 ab. nel 1634, 674 nel 1689, 406 nel 1791, 716 nel 1850, 601 nel 1900, 590 nel 1950, 994 nel 2000. Sono stati rinvenuti insediamenti d'altura probabilmente neolitici nell'Hard e nel Wörndel, tumuli del Bronzo antico nell'Hard, vedette del sistema difensivo romano lungo il Reno nell'Hard e fortificazioni di epoca sconosciuta nell'Aebnet e nel Wörndel. Nel 1295 Jakob von Wart vendette al vescovo di Costanza la bassa giurisdizione sulla sua corte (Meierhof) a W. e sul villaggio di W. Nel XVI sec. Costanza cedette in pegno metà dei suoi diritti, che riacquistò nel 1605. Per l'alta giustizia, W. passò con la contea di Kyburg a Zurigo e nel 1442 fu assegnato al baliaggio (Obervogtei) del Neuamt. Solo durante l'Elvetica W. fu integrato completamente nel cant. Zurigo (distr. Bülach). Nel villaggio le autorità zurighesi erano rappresentate da un luogotenente del balivo, il vescovo da un maior. Nel ME W. dipendeva dalla parrocchia di Hohentengen e probabilmente disponeva già di una cappella filiale, menz. però solo nel 1594. Su richiesta degli ab., nel 1591 il Consiglio di Zurigo nominò un pastore. A causa della vicinanza al confine, la chiesa (ricostruita nel 1706) e la casa parrocchiale con granaio furono fortificate e i muri del cimitero dotati di feritoie. Una fabbrica di laterizi è menz. nel 1421. Nel 1590 due nuclei fam. possedevano due equipaggi di animali da tiro ciascuno, 11 un solo equipaggio, quattro mezzo e 48 nessuno, mentre nel 1789 solo il mugnaio disponeva di un equipaggio completo; ciò costituisce l'indizio di un impoverimento del villaggio. Nel 1850 il 24% della superficie del com. era costituito da campi coltivati, il 13% da prati, il 4% da prati da strame, il 2% da vigneti, il 16% da bosco privato, il 38% da bosco com. e il 3% da terreni da strame e coltivati in mano privata. Nel 1876 fu inaugurata la linea ferroviaria Winterthur-Koblenz con la stazione W.-Kaiserstuhl. Dal 1962 la Weiacher Kies AG estrae ghiaia nell'Hard su scala industriale. Dagli anni 1960-70 sorsero diversi quartieri di case unifam., nel 2000 il 78% della pop. attiva era costituito da pendolari in uscita. Nel 2005 il primario offriva ancora quasi il 18% dei posti di lavoro nel com.

Riferimenti bibliografici

  • FDS ZH, n.s., II/1
  • U. Brandenberger, Quellen- und Literaturverzeichnis zur Geschichte von Weiach/ZH, 20035
  • U. Brandenberger, Weiach, 20033
  • U. Brandenberger, Weiacher Geschichten, ms., 2006 (presso StAZH)
Classificazione
Entità politiche / Comune