de fr it

Wildberg

Com. ZH, distr. Pfäffikon; (853: Willipergesmaracha). Situato su un altopiano della catena dell'Allmen, comprende i villaggi di W., Ehrikon e Schalchen. Nel 1934 Hinter-Rikon fu separato da W. e attribuito al com. di Zell. Pop: ca. 75 ab. nel 1467, 270 nel 1634, 615 nel 1771, 1046 nel 1836, 990 nel 1850, 654 nel 1900, 684 nel 1930, 653 nel 1950, 886 nel 2000. Donazioni al convento di San Gallo attestano la colonizzazione dell'area di W. nel IX sec. I signori von Wilberg, menz. dal 1228 al 1439, furono ministeriali dell'abbazia di San Gallo, poi degli Asburgo. Accanto alla fortezza originaria a W., possedevano una torre abitativa a Gündisau e un'altra fortezza sullo Schlossberg (entrambe com. Russikon). Dopo il 1320 rilevarono presumibilmente dai signori von Landenberg anche la fortezza di Tössegg (menz. nel 1266). A metà del XIV sec. la fortezza e la frazione di Tössegg e la parte principale di Schalchen passarono alla signoria di Greifensee; dal 1402 al 1798 questa parte dell'odierno com. appartenne al baliaggio zurighese di Greifensee. L'altra fu acquisita con la contea di Kyburg dalla città di Zurigo (1424 risp. 1452) e posta sotto l'amministrazione del baliaggio di Kyburg (fino al 1798). Sul piano ecclesiastico W. fece capo probabilmente a Wila nell'alto ME e a Turbenthal nel pieno ME. La chiesa parrocchiale a W., fondata da Johannes von Wilberg tra il 1320 e il 1329 e presumibilmente dedicata a Maria, nel 1415 fu ceduta alla città di Rapperswil con i diritti di patronato, che nel 1833 furono ripresi da Zurigo. Il com. politico, la cui estensione corrispondeva a quella del com. parrocchiale, fu istituito nel 1798 e attribuito al distr. di Fehraltorf. Nel 1931 furono sciolte le Zivilgemeinden di W., Ehrikon e Schalchen. L'industria tessile a domicilio, in espansione settore nel XVIII sec., nel 1787 occupava quasi il 40% della pop. Solo con la costruzione della strada Russikon-Turbenthal (1848), W. fu collegato alla rete viaria cant. Una diligenza postale entrò in servizio nel 1865. Senza industrie e con poche attività artigianali, W. è rimasto un com. agricolo. Solo negli anni 1960-90 sorsero nuovi edifici al margine meridionale del villaggio. Nel 2005 il settore primario offriva ancora il 42% dei 205 posti di lavoro nel com.

Riferimenti bibliografici

  • A. Aeppli, Chronik der Gemeinde Wildberg (Kanton Zürich), 1927
  • P. Flaad, H. Keller, Chronik der Gemeinde Wildberg, 1985
  • U. Pfister, Die Zürcher Fabriques, 1992
  • P. Niederhäuser, «Burgruine Tössegg», in Vom Grabhügel zur Ökosiedlung, a cura di R. Böhmer et al., 2007, 346 sg.
Classificazione
Entità politiche / Comune