de fr it

Cortébert

Manifesto pubblicitario per l'orologio "1790", realizzato nel 1957 da Bordigoni (Museum für Gestaltung Zürich, Plakatsammlung, Zürcher Hochschule der Künste).
Manifesto pubblicitario per l'orologio "1790", realizzato nel 1957 da Bordigoni (Museum für Gestaltung Zürich, Plakatsammlung, Zürcher Hochschule der Künste).

Com. BE, distr. Courtelary; (1178: Cortaibert). Comprende le frazioni di Prés de C. e la sua scuola di montagna. Pop: 90 ab. ca. nel 1460, 230 nel 1801, 326 nel 1850, 652 nel 1870, 793 nel 1900, 750 nel 1950, 634 nel 1980, 714 nel 2000. Nel 1179 i capitoli di Saint-Imier e di Moutier-Grandval possedevano beni a C. La località faceva parte della signoria dell'Erguel (principato vescovile di Basilea). Nel 1530 Bienne impose la Riforma alla parrocchia di Corgémont, da cui dipendeva C. Villaggio a vocazione agricola e artigianale (mulini) fino alla metà del XIX sec., il nucleo del com. è caratterizzato da abitazioni del XVI-XIX sec. Il com. patriziale si separò dal com. politico nel 1854. Nel 1865 l'apertura della manifattura orologiera Raiguel Juillard et Cie, in seguito Cortébert Watch & Co, modificò profondamente le strutture sociali ed economiche di C. Nel 1872 fu costruita una scuola, di imponenti dimensioni (nel 1959 l'edificio venne distrutto, con gli archivi com., da un incendio); la stazione ferroviaria risale al 1874, la cappella prot. al 1902. Nel 1938 venne costruita la stazione di pompaggio dell'acqua che alimenta la piana delle Franches-Montagnes. Dopo il 1930, C. fu colpito dalle crisi dell'industria orologiera e nel 1962 la Cortébert Watch dovette chiudere. Negli anni 1990-2000 si è sviluppato a ovest del villaggio un nuovo quartiere industriale e commerciale.

Riferimenti bibliografici

  • F. Geiser, Cortébert, 1981
  • F. Geiser, «Vie et mort d'une haute école entre 1872 et 1959», in Mosaïque d'Erguël, 1999, 175-181
Link
Controllo di autorità
GND
Classificazione
Entità politiche / Comune