de fr it

Uetendorf

Com. BE, distr. e circoscrizione amministrativa Thun; (994: Oudendorf). Situato al margine occidentale della valle dell'Aar, comprende le frazioni di Dorf, Berg e Allmend e gruppi di fattorie. Pop: 594 ab. nel 1764, 1546 nel 1850, 1841 nel 1900, 2365 nel 1950, 2810 nel 1960, 5449 nel 1990, 5702 nel 2000.

Testimonianze del Neolitico, dell'età del Bronzo nel Limpachmoos e nel Silbermoos e della cultura di La Tène nell' Heidenbühli, nonché alcuni reperti non databili come le fondamenta in pietra a Fältschersmad, il crogiolo di Eichberg e la cosiddetta pietra del diavolo a Huttenrain, attestano una colonizzazione precoce dell'area. Sulla Buchshalten, dove nel II sec. d.C. era situata una villa romana, sorse probabilmente il possedimento regio burgundo di U., donato dall'imperatore Ottone III al convento alsaziano di Selz nel 994. Nel 1370 questa curtis fu presumibilmente sede dei signori von U. (menz. dal 1232 al 1437), membri del Consiglio bernese. Nel 1370 Johann von Zeinigen, cittadino di Thun, acquisì la proprietà fondiaria e i diritti giurisdizionali, passati poi all'ospedale di Thun nel XV sec. Dopo il 1521 quest'ultimo riunì le signorie di U. (con Längenbühl) e Uttigen sotto un'unica amministrazione, con U. quale sede del tribunale, che dipese dalla giurisdizione (Landgericht) di Seftigen fino al 1783 per poi essere attribuita al distr. di Thun. Sul piano spirituale U. fece capo ad Amsoldingen, finché fu riassegnato alla più vicina parrocchia di Thierachern (1578). U. ebbe una propria chiesa rif. solo nel 1955. All'inizio del XXI sec. U. e U.-Allmend (dotato di un centro ecclesiastico nel 1983) costituivano delle circoscrizioni del com. parrocchiale di Thierachern.

Situati su argini morenici, i villaggi di U., Uetendorfberg e Willenrüti gestivano autonomamente l'avvicendamento delle colture. U. formava con Längenbühl una comunità per lo sfruttamento dei pascoli, soppressa nel 1546 con la divisione dei beni comuni. Tutti gli insediamenti partecipavano allo sfruttamento dei pascoli comuni della vasta pianura alluvionale del Glütschbach e della Kander. Fino alla sua deviazione nel lago di Thun nel 1714, quest'ultima scorreva attraverso la valle del Glütschbach e l'Allmend di Thun e sfociava nell'Aar a nord di Thun; gli ab. erano di conseguenza soggetti a pesanti oneri per la manutenzione degli argini contro le periodiche inondazioni. Il drenaggio della zona paludosa ebbe luogo solo negli anni 1860-70, dopo la correzione dell'Aar.

L'entrata in funzione della ferrovia della valle della Gürbe (1902), con la stazione di Dorf e le fermate di Allmend e Selve, favorì la creazione di nuovi quartieri sulla pianura (fra gli altri U.-Allmend), i cui residenti lavoravano nelle industrie di Thun. La linea Berna-Thun (1859) attraversa il com., ma senza fermata. Nel 1971 fu inaugurato il raccordo autostradale (uscita Heimberg sul confine com.). La filiale dell'officina metallurgica Schweizerische Metallwerke Selve AG (1953, chiusa nel 1993) attirò altre industrie a U., tra cui industrie meccaniche (smerigliatrici, elettrodomestici, mulini), aziende di edilizia e ingegneria civile, una fabbrica di alimentari e una tipografia, ubicate fra l'altro nelle zone industriali di Obere Zelg e Obere Allmend. Nel com. hanno inoltre sede numerose piccole imprese. Nel 2005 più del 70% della pop. attiva di U. era composto da pendolari in uscita, spec. verso Berna o Thun; tuttavia contava anche il 48% di pendolari in entrata. Dal 1960 il continuo aumento della pop. portò a un addensamento delle costruzioni nel nucleo del villaggio; lungo la strada per Thun sorse il quartiere di Fliederweg. All'inizio del XXI sec. il villaggio e i quartieri avevano un carattere suburbano e artigianal-industriale; nelle aree del com. situate a un'altitudine più elevata come Gibliz, Willenrüti, Uetendorfberg e Buchshalten, l'agricoltura ha per contro conservato la propria importanza.

La residenza di campagna Eichberg con azienda agricola, costruita per Carolus von Fischer (1792-93), negli anni 1830-40 costituì il centro del movimento del patriziato conservatore; tra il 1932 e il 1984 fu utilizzata come ist. educativo. Dopo lo scioglimento del consorzio scolastico con Thierachern, U. ottenne una propria scuola secondaria (1959), che all'inizio del XXI sec. era gestita congiuntamente con il com. di Uttigen. U. dispone di una piscina all'aperto, di impianti sportivi e del centro per il tempo libero Zehntenhaus. L'Ara-Thun, che provvede alla depurazione delle acque di scarico di 32 com., ha sede a U. Nel 1921 venne istituita a U. la Fondazione Uetendorfberg, comunità abitativa e di lavoro sviz. per non udenti.

Riferimenti bibliografici

  • Das Amt Thun, Heimatkunde, 1943
  • M.-C. Clément, Bauinventar der Gemeinde Uetendorf, 1992
  • A.-M. Dubler, «Die Region Thun-Oberhofen auf ihrem Weg in den bernischen Staat (1384-1803)», in BZGH, 66, 2004, 61-117
Classificazione
Entità politiche / Comune