de fr it

Nuvilly

Com. FR, distr. La Broye; (1242: Nuovillie). Situato all'estremità sud dell'enclave di Estavayer-le-Lac, domina la valle della Broye. Pop: 262 ab. nel 1811, 390 nel 1850, 389 nel 1900, 318 nel 1950, 238 nel 1970, 294 nel 2000. Nel 1242 Conon d'Estavayer vi possedeva una proprietà. Dal XIV sec. N. fu integrato nella signoria di Estavayer (nella parte controllata dalla fortezza di Chenaux). Dal XV al XVII sec. la fam. de La Molière vi detenne alcuni diritti. Nel 1338 il villaggio fu incendiato dagli ab. di Payerne. In seguito alle guerre di Borgogna la località passò sotto il dominio di Friburgo. N. fece parte del baliaggio di Estavayer (dal 1536), poi del distr. omonimo (1798-1803) e di quello di Surpierre (fino al 1848). Dopo aver fatto capo a Cugy (FR), nel 1586 fu eretto a parrocchia autonoma (da cui dipese anche Aumont fino al 1878); l'abbazia di Hauterive era titolare del diritto di collazione. Dal 1317 è attestata una cappella; la chiesa parrocchiale di S. Giacomo risale al 1687. Nel 1642 un incendio distrusse il villaggio. La scuola fu costruita all'inizio del XVIII sec. Il settore primario (coltivazioni di cereali e allevamento) offriva nel 2005 il 60% ca. dei posti di lavoro.

Riferimenti bibliografici

  • Dellion, Dict., 9, 32-43
  • J. P. Grangier, Annales d'Estavayer, 1905
  • Fribourg illustré, 1987, n. 8, 15-19
  • I. Andrey, Restaurons l'église baroque de Nuvilly!, 2006
Classificazione
Entità politiche / Comune

Suggerimento di citazione

Rolle, Marianne: "Nuvilly", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 19.08.2009(traduzione dal francese). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/000831/2009-08-19/, consultato il 21.10.2020.