de fr it

Mossel

Ex com. FR, distr. Glâne, dal 2001 parte, con Bionnens e Vauderens, del com. di Ursy; (metà del XII sec.: Moncels, Muncels, Monticulis). M. comprende il villaggio omonimo e frazioni sparse. Pop: 138 ab. nel 1811, 187 nel 1850, 177 nel 1900, 203 nel 1950, 122 nel 2000. Nella prima metà del XII sec. M. appartenne ai de Saint-Martin-du-Chêne, signori di Bioley. Nel 1245 Guillaume donò le terre di M., con tutti i diritti di giurisdizione, al convento di Hautcrêt, che vi gestì un granaio. Ancora attestato nel 1740, un "sentiero dei conversi" testimonia l'importanza assunta dai monaci nella regione. I signori de Prez e de Rue detenevano beni a M. Parte della signoria di Rue, il villaggio fu annesso al baliaggio (1536-1798), poi al distr. (1798-1848) di Rue e, dal 1848, al distr. Glâne. Sul piano ecclesiastico M. fece capo alla parrocchia di Promasens e, dal 1939, a quella di Porsel. La cappella di Nostra Signora della Compassione (oggi del Sacro Cuore) fu costruita nel 1891. Collegato alla linea di autobus Romont-Palézieux, il villaggio è dedito alle colture foraggere e all'allevamento (13 aziende agricole nel 2000).

Riferimenti bibliografici

  • HS, III/3, 143-145, 153, 163
  • AA. VV., Histoire d'une ferme, 1993

Suggerimento di citazione

Rolle, Marianne: "Mossel", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 14.01.2009(traduzione dal francese). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/000871/2009-01-14/, consultato il 15.06.2021.