de fr it

Villariaz

Ex comune FR, distretto Glâne, dal 2003 parte del comune di Vuisternens-devant-Romont; (1148: Vilar Roart). È situato ai piedi del versante occidentale del monte Gibloux. Pop: 142 ab. nel 1811, 201 nel 1850, 240 nel 1900, 238 nel 1950, 357 nel 2000. Nel 1148 Guido d'Ependes donò il suo allodio di V. al convento di Hauterive. La signoria di V. appartenne a fam. nobili del Paese di Vaud e della Borgogna, in seguito a fam. del patriziato cittadino di Friburgo. Signori o cosignori di V. furono i Norma, i Vuisternens, i de Palézieux, i Nicod, i de Fallerand, i de Praroman, gli Empsis, i de Challant, i Ratzé, i König, i de Gottrau e i Reynaud. Posto sotto la sovranità di casa Savoia, nel 1536 V. passò a Friburgo, che lo incorporò nel baliaggio di Romont; dal 1798 al 1848 fece parte del distr. omonimo. Sul piano ecclesiastico il villaggio ha sempre fatto capo alla parrocchia di Vuisternens-devant-Romont. A lungo agricolo (colture foraggere e allevamento), conobbe in seguito uno sviluppo residenziale.

Riferimenti bibliografici

  • L. Genoud, «Villariaz et les de Vuicherens», in Revue de la Suisse catholique, 8, 1876-1877, 486-527
  • Fribourg illustré, 10, 1979, 5-11
  • E. Crettaz-Stürzel, «Wegkreuze», in Patrimoine fribourgeois, 1993, n. 2, 42 sg.