de fr it

Villarsiviriaux

Ex com. FR, distr. Glâne; (1162: Vilar Soveror). Villaggio agglomerato, situato sul versante nord ovest del monte Gibloux, dal 2001 forma con Chavannes-sous-Orsonnens, Orsonnens e Villargiroud il com. di Villorsonnens. Pop: 179 ab. nel 1850, 240 nel 1900, 205 nel 1950, 189 nel 2000. In località La Buchille sono state rinvenute vestigia di un insediamento di epoca romana. Nel XIII sec. sono attestati i signori de V. Dal ME detenevano beni e diritti a V. le abbazie di Hauterive e di Humilimont, nonché numerose fam. (de Billens, von Maggenberg, de Pont, d'Affry). Nel 1508 la signoria apparteneva a Jean de Blonay. V. fece parte del baliaggio di Pont-Farvagny (1488-1798), poi dei distr. di Romont (1798-1803), Farvagny (1803-48) e della Glâne (1848). I primi statuti com. risalgono al 1765. Sul piano spirituale V. fece capo a Orsonnens; divenne parrocchia autonoma nel 1869. La cappella di S. Teodulo, menz. nel 1483, fu ingrandita verso il 1790. La divisione dei pascoli tra Villargiroud e V. avvenne nel 1581. Il confine con Sorens venne stabilito nel 1626. Villaggio a carattere rurale (agricoltura, arboricoltura all'inizio del XX sec.), all'inizio del XXI sec. era dedito spec. all'allevamento (12 stabilimenti nel 2000).

Riferimenti bibliografici

  • Dellion, Dict., 12, 70-80
  • J.-P. Anderegg, La maison paysanne fribourgeoise, 2, 1987, 85, 450