de fr it

Avry-devant-Pont

Ex comune FR, distretto Gruyère, dal 2003 forma con Gumefens e Le Bry il nuovo comune di Pont-en-Ogoz; (XII sec.: Aprilis, Avril). Pop: 264 ab. nel 1811, 372 nel 1850, 427 nel 1900, 302 nel 1950, 254 nel 1960, 424 nel 2000. Vestigia di una villa, di cui la parte urbana non è ancora stata scoperta; vi era probabilmente un ponte romano. Altura artificiale (Vieux Châtel) con opera fortificata di epoca ignota. A. dipendeva dalla signoria di Pont; nel 1482 Antoine de Menthon la vendette a Friburgo che la promosse a baliaggio. Gli statuti com. risalgono al 1578. Nel 1177 il papa Alessandro III confermò all'ospizio del Gran San Bernardo l'incorporazione della chiesa di A. La parrocchia, menz. nel 1228, comprendeva Gumefens e Pont-en-Ogoz. Il capitolo di S. Nicola di Friburgo rivendicò il diritto di collazione nel 1522 e lo ottenne nel 1603. La chiesa di S. Martino venne ricostruita nel 1833. Le milizie rivoluzionarie delle zone circostanti e dei Vodesi stabilirono nel 1798 un campo ad A., il cosiddetto "avamposto imprendibile", prima di marciare su Friburgo. Attualmente dedito alle colture foraggere e all'allevamento di bovini, A. fu nel XIX sec. anche un centro per la fabbricazione dei cappelli di paglia. Costruzione della diga della Gruyère nel 1948, della A12 nel 1981 e dell'area di servizio nel 1982.

Riferimenti bibliografici

  • Dellion, Dict., 1, 310-355
  • G. Fragnière, «Notices historiques sur la paroisse d'Avry-devant-Pont et ses communes», in Grande Kermesse paroissiale, Avry-devant-Pont, 1974, 17-39
Link
Controllo di autorità
GND