de fr it

Wallenbuch

Ex com. FR, distr. Lac, dal 2003 parte, con Liebistorf e Guschelmuth, del com. di Gurmels; (1306: Buch; 1340: Valabuch). Villaggio con diverse fattorie (14 nel 1818, 8 nel 1917), costituisce l'unica enclave germanofona friburghese nel distr. bernese di Laupen; discosto dalla rete viaria principale, non è collegato ai trasporti pubblici. Pop: 79 ab. nel 1811, 81 nel 1850, 47 nel 1900, 62 nel 1950, 109 nel 2000. A sud del villaggio si trova un sito romano del I sec. I diritti signorili su W. furono acquisiti dal 1502 da Friburgo, che nel 1507 effettuò una ridefinizione dei confini con Berna ed eresse un piccolo baliaggio, amministrato dalla cancelleria di Stato (nel XVIII sec. dal controllore dei pesi). Gli statuti com. risalgono al 1589. Dopo la Riforma W. fu separato dalla parrocchia di Ferenbalm e attribuito a quella di Gurmels, rimasta catt. La cappella delle SS. Barbara e Radegunda è attestata già nel 1470; ricostruita nel 1599, nel 1809-10 fu sottoposta a un restauro completo. Per la cappella nel 1737 venne istituita una prebenda. Il suo detentore si occupò anche dell'insegnamento fino al 1907, quando fu costruita la scuola, utilizzata fino al 1971. W. faceva parte dei distr. di Morat (1798-1803), Friburgo (1803-30) e del distr. ted. (1831-47). Località dal carattere rurale fino alla seconda metà del XX sec., W. si è trasformato in un villaggio residenziale per pendolari che lavorano a Friburgo, Morat e Laupen.

Riferimenti bibliografici

  • MAS FR, 5, 2000, 434-438