de fr it

Siblingen

Com. SH, distr. Schleitheim, situato al margine settentrionale della pianura del Klettgau; (1049: Siblinga). Pop: 466 ab. nel 1771, 1041 nel 1850, 656 nel 1900, 587 nel 1950, 707 nel 2000. Oggetti dell'età del Bronzo sono venuti alla luce presso lo Schlossbuck. In località Tüelwasen sono stati rinvenuti sei corpi in pietra appartenuti a una villa romana e presso il Galgenberg, una propaggine del Randen, giacciono probabilmente i resti di un edificio in pietra dell'epoca romana e di un tratto lungo 800 m della strada che da Beringen conduceva a Schleitheim. Nel tardo ME, la frammentata proprietà fondiaria di S. fu principalmente detenuta dall'ospedale sciaffusano di S. Spirito. Attraverso l'acquisto dai von Randenburg della metà del baliaggio (1398), ottenne la bassa giurisdizione, poi l'intero baliaggio (1427). Nel 1491, grazie a un arbitrato, Sciaffusa rilevò l'alta giurisdizione dal conte von Lupfen e nel 1529 rilevò i diritti dell'ospedale. S. fece parte del baliaggio (Obervogtei) di Neunkirch. Sul piano ecclesiastico dipese dalla parrocchia di Neunkirch fino al 1640. La chiesa di S. Michele, costruita probabilmente nel XIII sec., conserva affreschi in buono stato del XIV sec. Le trivellazioni di prova effettuate nel 1820-30 e nel 1913 alla ricerca di giacimenti di sale non diedero alcun risultato. Dal 1905 al 1964 S. fu servito dalla tramvia Sciaffusa-Schleitheim. Il potenziale turistico del Randen, con una natura pressoché incontaminata, fu riconosciuto tempestivamente. Nel 1872, nel territorio com. di S. sorse il primo belvedere sul Randen (l'attuale risale al 1882). Nel 2005 l'agricoltura offriva ancora il 38% dei posti di lavoro nel com. Nel 2010 una trentina di viticoltori lavorava oltre 14 ettari di vigneti.

Riferimenti bibliografici

  • C. G. Keller, Siblingen im Kanton Schaffhausen, 1902
  • MAS SH, 3, 1960, 243-251
  • J. Trumm, Die römerzeitliche Besiedlung am östlichen Hochrhein (50 v. Chr.-450 n. Chr.), 2002, 365-374
  • SchaffGesch., 1-3
Link
Controllo di autorità
GND