de fr it

Degersheim

Com. SG (fino al 31.12.2002 distr. Untertoggenburg). Comprende l'omonimo villaggio, Magdenau con l'abbazia, Wolfertswil (838: Wolfrideswilare), Hinterschwil, numerose fattorie sparse e l'exclave di Obergampen; (837: Tegarascai). Nel dialetto locale è tuttora in uso l'originaria denominazione Tegerschen; D. è il nome ufficiale dal 1803. Pop: 1067 ab. nel 1816, 1620 nel 1850, 3414 nel 1900, 3766 nel 1910, 2966 nel 1941, 3186 nel 1950, 3592 nel 2000.

Nei sec. centrali del ME, la parte sudorientale del territorio era abitata da contadini liberi, che facevano capo all'avogadria (Freiweibelhube) di Oberuzwil, e in seguito, dal tardo ME, ottennero una giurisdizione autonoma (Freigericht); sul piano ecclesiastico appartenevano a Oberglatt. La parte nordoccidentale comprendeva la giurisdizione e la parrocchia di Magdenau (chiesa di S. Verena), il cui diritto di patronato passò a Wolfertswil nel 1950 (chiesa del 1952). A ovest di Magdenau sorgeva la fortezza degli Schenk von Landegg. All'inizio del XV sec., D. fu incorporato al baliaggio inferiore (Unteramt) della contea del Toggenburgo, che nel 1468 passò sotto la sovranità del principato abbaziale di San Gallo. Dopo il 1528 la maggior parte della pop. aderì alla Riforma. La parrocchia evangelica fu fondata nel 1708, quella catt. nel 1763. La cappella del villaggio (1494) e la chiesa edificata nel 1818 servirono a entrambi i culti fino al 1909, anno in cui venne costruita una chiesa rif. in stile liberty (Robert Curjel e Karl Coelestin Moser); nel 1923 un nuovo edificio catt. sostituì la chiesa del 1818 (nel 2000 il 44% degli ab. era catt. e il 40% rif.). In origine, l'economia era basata sull'allevamento e sulla cerealicoltura (un mulino a est del villaggio è menz. nel 1447). Verso il 1750 cominciò ad affermarsi la tessitura di cotone. Nel 1804 D. e Magdenau furono riuniti. Dopo l'incendio del 1818, il villaggio fu ricostruito secondo una planimetria a scacchiera. A partire dal 1860, lo sviluppo dell'industria del ricamo segnò un periodo di notevole prosperità (nel 1890 a D. vi erano 429 macchine e ca. 900 occupati). Nel 1904 Isidor Grauer-Frey fondò il sanatorio Sennrüti e promosse la costruzione della linea ferroviaria San Gallo-Wattwil, cui D. venne collegato nel 1910. Dopo il 1930 agli opifici, chiusi durante la crisi degli anni 1920-30, si sostituirono varie aziende industriali del ceto medio (spec. lavorazione del metallo e del legno).

Riferimenti bibliografici

  • J. G. Hagmann, Tegerschen und Degersheim, 1922
  • J. Ledergerber, 200 Jahre St. Jakobspfarrei Degersheim, 1963
  • C. Principe, Wirtschaftliche Entwicklung und Sozialstruktur, 1965
  • Degersheim, 1987
  • Degersheimer Buch, 1997
Link
Controllo di autorità
GND
Classificazione
Entità politiche / Comune