de fr it

Casti

Ex comune del canton Grigioni, regione Viamala, insediamento compatto situato ai piedi dello Schamserberg. Dal 1923 al 2020 costituiva con Wergenstein il comune di Casti-Wergenstein, unitosi nel 2021 con Donat, Lohn e Mathon per formare il comune di Muntogna da Schons. Prima attestazione: ad Castellum (1204). Popolazione: 29 abitanti nel 1835, 27 nel 1850, 23 nel 1900, 20 nel 1920.

Alcuni indizi suggeriscono l'esistenza di un nucleo fortificato risalente all'alto Medioevo, situato sotto la chiesa del XII secolo (patrono ignoto). La zona era già ampiamente colonizzata agli inizi del XIII secolo; sullo Schamserberg è attestata nel 1204 una comunità di contadini liberi (comunità di valle) che esercitava autonomamente la bassa giustizia. Dalla diocesi di Coira i diritti di sovranità territoriale passarono ai von Vaz, poi ai von Werdenberg, quindi, nel 1456, nuovamente a Coira. Lo Schams si riscattò nel 1458. Sul piano religioso, Casti si separò da S. Martino di Zillis solo dopo la Riforma (ca. 1530-1535); nel 1627 costituì una comunità parrocchiale con Donat, Pazen, Farden e Clugin (comune parrocchiale). Fino al 1851 formò, con queste vicinie, una piccola circoscrizione giudiziaria all'interno del comune giurisdizionale dello Schams. In seguito fece parte del circolo dello Schams nel distretto di Hinterrhein. La strada carrozzabile risale al 1924-1926. Nel comune l'allevamento e l'alpicoltura erano le attività predominanti. La percentuale di popolazione di lingua romancia è continuamente diminuita (100% nel 1860, 80% nel 1980 e 55% nel 2000) anche se è rimasta relativamente alta.

Riferimenti bibliografici

Link
Altri link
e-LIR
Scheda informativa
Prima/e menzione/i
1204: ad Castellum

Suggerimento di citazione

Jürg Simonett: "Casti", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 22.07.2021(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/001503/2021-07-22/, consultato il 17.05.2022.