de fr it

Rovio

Ex comune del canton Ticino, distretto Lugano, situato sul versante sinistro della Val Mara ed esteso fino alla cima del Monte Generoso (1704 m), aggregatosi nel 2022 con Maroggia e Melano per formare il comune di Val Mara. Prima attestazione: Rovi (852). Popolazione: 62 abitanti nel 1591, 396 nel 1801, 384 nel 1850, 375 nel 1900, 376 nel 1950, 347 nel 1960, 673 nel 2000, 745 nel 2010, 802 nel 2020, 791 nel 2021.

Rovio: carta di situazione 2021 (Geodati: Ufficio federale di statistica, Swisstopo, OpenStreetMap) © 2022 DSS.
Rovio: carta di situazione 2021 (Geodati: Ufficio federale di statistica, Swisstopo, OpenStreetMap) © 2022 DSS.

Sono stati rinvenuti cinque fosse per la raccolta di ceneri di cremazione (ca. 1000 a.C.) e reperti dell'età del Ferro e dell'epoca romana. Menzionato come vicinanza nel 1213, Rovio fece parte della pieve di Riva San Vitale e dal 1517, con quest'ultima, del baliaggio di Lugano. Nel 1798 il villaggio aderì all'effimera Repubblica di Riva San Vitale. Sul piano ecclesiastico, Rovio si separò da Riva San Vitale nel 1213 e formò una propria parrocchia. La chiesa parrocchiale dei SS. Vitale e Agata (menzionata nel 1213) fu ristrutturata tra la fine del XVI secolo e il 1613. L'oratorio di S. Vigilio, in stile romanico, risale forse alla prima metà dell'XI secolo. Le principali attività economiche erano la campicoltura, la viticoltura e l'allevamento, cui si affiancava l'emigrazione di maestranze edilizie e artistiche. Dagli anni 1960 il comune conobbe un marcato sviluppo residenziale; nel 2000 oltre i tre quarti della popolazione attiva erano pendolari in uscita, specialmente verso Lugano.

Riferimenti bibliografici

Link
Controllo di autorità
GND
Scheda informativa
Prima/e menzione/i
852: Rovi

Suggerimento di citazione

Vanessa Giannò: "Rovio", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 31.10.2022. Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/002204/2022-10-31/, consultato il 01.03.2024.