de fr it

Chabrey

Ex comune del canton Vaud, nel distretto di Broye-Vully, dal 2011 con Bellerive (VD), Constantine, Montmagny, Mur (VD), Vallamand e Villars-le-Grand parte del comune di Vully-les-Lacs. Villaggio situato sulle rive del lago di Neuchâtel. Prima attestazione: Charbrey (1343). Popolazione: 183 abitanti nel 1764, 208 nel 1798, 283 nel 1850, 222 nel 1900, 177 nel 1950, 136 nel 1970, 198 nel 2000, 270 nel 2010.

Chabrey: carta di situazione 2010 (Geodati: Ufficio federale di statistica, Swisstopo, OpenStreetMap) © 2019 DSS.
Chabrey: carta di situazione 2010 (Geodati: Ufficio federale di statistica, Swisstopo, OpenStreetMap) © 2019 DSS.

Sul territorio di Chabrey è stata rinvenuta la stazione dell'età del Bronzo di Chabrey-Pointe de Montbec I, che figura fra i 56 siti palafitticoli svizzeri iscritti nella lista del patrimonio mondiale dell'Unesco. Sullo sperone roccioso che domina il sito si ergeva una torre risalente all'alto Medioevo, detta castello di Montbec. Chabrey, che apparteneva al vescovo di Sion, nel 1246 fu inglobato nella castellania savoiarda di Cudrefin, poi, nel 1536, nel baliaggio di Avenches. Dal 1798 al 2006 appartenne al distretto di Avenches. Nel XV secolo formava con Villars-le-Grand un comune unico. Nel XVI secolo, con la creazione di un Consiglio dei Dodici, cominciò a profilarsi l'autonomia comunale. Nel 1680 venne fondata una scuola. I pascoli furono all'origine di numerose controversie con Villars-le-Grand, dove Chabrey possedeva ancora dei terreni all'inizio del XXI secolo. Sul piano ecclesiastico Chabrey fa parte della parrocchia di Constantine. La popolazione è composta essenzialmente da operai e impiegati, ai quali si aggiungono alcuni agricoltori, artigiani e indipendenti. Una serie di ricche ville, situate in posizione discosta rispetto al villaggio, domina il lago.

Riferimenti bibliografici

  • A. Bardet, Villars en Vully, mon village, 1983
Scheda informativa
Prima/e menzione/i
1343: Charbrey