de fr it

Cologny

Casa padronale costruita nella prima metà del XVIII secolo per il banchiere Gédéon Mallet, oggi chemin Lefort 5 (Bibliothèque de Genève, Archives A. & G. Zimmermann).
Casa padronale costruita nella prima metà del XVIII secolo per il banchiere Gédéon Mallet, oggi chemin Lefort 5 (Bibliothèque de Genève, Archives A. & G. Zimmermann).

Com. GE, posto sulla riva sinistra del Lemano; (1208: Colognier). Comprende C. e numerose frazioni tra cui La Belotte e Ruth. Pop: 541 ab. nel 1850, 773 nel 1900, 1339 nel 1950, 4697 nel 2000. Insediamenti di palafitte neolitiche a La Belotte. Sebbene terra del capitolo di Saint-Pierre di Ginevra dal 1208, il territorio di C. fu teatro di conflitti di giurisdizione con il conte di Ginevra una convenzione fissò i loro rispettivi diritti nel 1366. Durante la Riforma queste terre ritornarono alla signoria di Ginevra. Con il trattato del maggio 1538 tra Berna e Ginevra, C. venne compresa nel territorio delle Franchises. Alla fine del XVI sec. e all'inizio del XVII sec., certi stampatori ginevrini usavano il nome di C. (Colonia Allobrogum) come luogo di edizione, al fine di aggirare il divieto di vendere i loro libri in Francia. Il trattato di Torino (1754) regolò i problemi di giurisdizione sulle terre di Saint-Victor e del capitolo tra Ginevra e il duca di Savoia. Quest'ultimo rinunciò ai suoi diritti su Ruth e La Belotte in favore di Ginevra. Dopo l'annessione di Ginevra da parte della Francia nel 1798, il municipio di C. si riunì per la prima volta il 9.12.1800. Lo sbarco dei contingenti sviz. nel 1814 ebbe luogo al Port Noir, attualmente porto turistico. La parrocchia di C. (chiesa di S. Pietro) fu riunita a Vandœuvres nel 1406; divenne rif. nel 1536 e di nuovo indipendente nel 1727. Essa comprendeva Eaux-Vives, che se ne staccò nel 1831. Nel passato, l'economia di C. fu essenzialmente agricola: il com. contava ancora otto agricoltori nel 1965 e due nel 1975. Dal XVIII sec. vennero edificate delle belle case di campagna. Lord Byron e Percy Shelley vi soggiornarono nel 1816, il primo nella villa Diodati. Mary Shelley vi scrisse il suo romanzo Frankenstein (1951). Il com. ospita la Fondazione Martin Bodmer (Bibliotheca Bodmeriana dal 1951; Museo Bodmer, costruito da Mario Botta, dal 2003). La bellezza del posto attirò numerose celebrità e grandi contribuenti, che resero C. uno dei com. più ricchi del cant. La politica attuale delle autorità è di conservare il carattere residenziale di C.

Riferimenti bibliografici

  • P. Naville, Cologny, 1958
Link
Controllo di autorità
GND
Classificazione
Entità politiche / Comune