de fr it

d'Amman

Famiglia del patriziato friburghese originaria di Neyruz (FR); dal 1343 ottenne il diritto di cittadinanza di Friburgo con i nomi di Gaudion, Godion o Mestra(u)l; la forma germanizzata del nome compare all'inizio del XVI secolo. A partire dal XV secolo gli Amman fecero parte del Gran Consiglio, del Consiglio segreto e infine del Piccolo Consiglio, dove furono rappresentati fino alla fine del XVIII secolo. L'ascesa sociale della famiglia si riflette anche nelle strategie matrimoniali. Tramite acquisti o eredità, il casato ottenne le signorie o cosignorie di Vuissens (1541-1566) e Démoret (1541-1596), Saint-Barthélemy e Goumoens-le-Châtel (1652/1653-1718 e 1794-1803), Ependes (con il castello, 1661-1972) e Macconnens (1673-1840). Vari esponenti della famiglia amministrarono baliaggi friburghesi e furono al servizio della Francia.

Jean Mestraul (figlio di Nicod Mestraul, menzionato nel 1442 come cittadino di Friburgo), fu alfiere del quartiere del Bourg; nella battaglia di Morat assunse il comando dell'artiglieria friburghese. Suo figlio Jean/Hans (1523), che per primo prese il nome di Amman, comandò il contingente friburghese nella spedizione del 1515 in Italia; ufficiale al servizio francese, venne ferito nella battaglia della Bicocca (1522). A Petermann, figlio di Jean, l'imperatore Carlo V conferì un blasone nel 1541. Un altro Jean (1607-1682), balivo di Rue, divenne proprietario delle signorie di Saint-Barthélemy e Goumoens; Nicolas (1624-1708) acquistò Macconnens, che rimase proprietà della famiglia fino alla soppressione dei diritti signorili. Fra gli Amman che abbracciarono la carriera ecclesiastica vanno menzionati Béat-Nicolas-Ignace, prevosto di San Nicola, e suo fratello François-Pierre-Joseph, gesuita. François-Nicolas-Alois-Jean (1781-1853) fu maestro della zecca di Friburgo dal 1808 al 1847; intorno al 1830 suo fratello Jean-Baptiste (1788-1865) emigrò in Polonia, dove questo ramo della famiglia si estinse. François-Nicolas-Alois-Bonaventure (1800-1853), inviato di Friburgo all'ultima Dieta federale, venne espulso dal governo radicale friburghese quale istigatore del Sonderbund. Dopo di lui la famiglia non annoverò altri personaggi politici di spicco ma contò vari rappresentanti delle professioni liberali.

Riferimenti bibliografici

  • Fondo presso Archives de l'Etat de Fribourg, Friburgo
  • Schweizerisches Geschlechterbuch, 4, 1913, 21-29; 7, 1943, 1-3
  • Nouvelles étrennes fribourgeoises, 60, 1927, 229-232
Scheda informativa
Variante/i
Amman
Gaudion
Godion
Mestral
Mestraul