de fr it

RemigiusPeterelli

31.8.1815 Savognin, 10.2.1892 Berna, catt., di Savognin. Figlio di Johann Anton (->) e di Cresenzia von Scarpatetti. (1841) Johanna de Latour, figlia di Christian, maggiore, di Breil/Brigels. Dopo la scuola lat. di S. Lucio a Coira e il liceo a Soletta e Delémont, studiò diritto a Monaco e Heidelberg. Avvocato presso l'ufficio di Ludwig Anton Vieli a Coira (1839), si dedicò poi esclusivamente alla politica. Fu Vicelandamano della Lega Caddea (1840), inviato alla Dieta fed. (1845), balivo (1843-45) e Landamano (1864-67) dell'Oberhalbstein, deputato al Gran Consiglio grigionese (1839-81, con interruzioni; pres. nel 1851, 1854, 1857, 1861-62 e 1871), membro della Commissione di Stato (1843-81, con interruzioni), pres. della Lega Caddea (1846, 1851, 1854, 1857, 1861 e 1862, membro del governo cant.) e Consigliere agli Stati catt. conservatore (1864-65, 1866-68, 1869-71, 1872-73 e 1881-92). Su incarico del Consiglio fed., compì numerose missioni speciali presso la Santa Sede. Fece parte dell'alta Corte d'appello cant. (1843-45 e 1852-54) e del tribunale cant. (1848-51 e 1855-92) e presiedette il tribunale del distr. di Albula (1849-57 e 1867-92). Dal 1846 fino alla morte fu il capo indiscusso dei catt. conservatori e, dopo il 1872, dei federalisti catt. grigionesi. In seno al Consiglio degli Stati formò una nota coppia ("Zweispänner") con il rif. Peter Conradin Romedi. Respinse la Costituzione fed. (1848) e la fusione delle scuole cant. grigionesi (1849). Esponente della Chiesa di Stato tradizionale (articoli di Ilanz del 1526), fu un uomo politico conciliante e contrario al partitismo. Grazie al suo notevole impegno, il cant. Grigioni venne risparmiato da un conflitto confessionale durante il Sonderbund e dal Kulturkampf dopo il 1872. Fece parte del consiglio di amministrazione della Banca cant. dei Grigioni (1876-92) e dell'ass. studentesca Zofingia (dal 1833).

Riferimenti bibliografici

  • Gruner, Bundesversammlung/L'Assemblée, 1, 621
  • Bedeutende Bündner aus fünf Jahrhunderten, 2, 1970, 32-36
  • Metz, Graubünden
Link
Altri link
e-LIR
Controllo di autorità
GND
VIAF