de fr it

HansWunderly-von Muralt

3.7.1842 Meilen, 23.1.1921 Zurigo, riformato, di Meilen. Figlio di Johannes Wunderly. (1869) Amalia von Muralt, figlia di Felix Robert von Muralt, fabbricante di seta. Cresciuto a Meilen e, dal 1857, a Zurigo, svolse un apprendistato di commercio. In seguito soggiornò in Inghilterra e Francia e lavorò poi nella filanda paterna e nella conceria di famiglia a Meilen. Dal 1893 diresse la ditta Wunderli, Zollinger & Cie (già Heinrich Kunz), che nel 1888, con 224'000 fusi nei cantoni Zurigo, Glarona e Argovia, era il più grande gruppo svizzero attivo nella filatura. Wunderly-von Muralt fu deputato liberale al Gran Consiglio zurighese per il circondario elettorale del suo comune di origine (1875-1896) e Consigliere nazionale (1893-1899, gruppo liberale democratico). Rappresentante degli interessi della grande industria e delle banche, diede un contributo determinante alla revisione del tariffario doganale svizzero. Cofondatore della Società dei commercianti di Zurigo (1873), fu presidente dell'Unione svizzera del commercio e dell'industria (1900-1917), vicepresidente del Credito svizzero (1883-1900 e 1911-1921) e membro dei consigli di amministrazione di diverse imprese. Proprietario di una preziosa collezione di monete e medaglie, a Meilen fu attivo come mecenate. Fu insignito del titolo di cavaliere della Legion d'onore francese.

Riferimenti bibliografici

  • Tobler-Meyer, Wilhelm: Die Münz- und Medaillen-Sammlung des Herrn Hans Wunderly von Muralt in Zürich, 5 voll., 1896-1898.
  • Neue Zürcher Zeitung, 1921, n. 116, 134 e 143.
  • Gruner, Erich: L'Assemblée fédérale suisse 1848-1920, vol. 1, 1966, pp. 127-128.
  • Kummer, Peter: Chronik der Familie Wunderly von Meilen, 1999, pp. 25-26, 49-56.
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF

Suggerimento di citazione

Peter-Kubli, Susanne: "Wunderly-von Muralt, Hans", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 03.03.2020(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/003728/2020-03-03/, consultato il 28.09.2020.