de fr it

Louis deWuilleret

Ritratto dell'uomo politico conservatore friburghese. Acquerello e gouache su carta di Johann Friedrich Dietler, 1857 © Musée d'art et d'histoire Fribourg.
Ritratto dell'uomo politico conservatore friburghese. Acquerello e gouache su carta di Johann Friedrich Dietler, 1857 © Musée d'art et d'histoire Fribourg.

25.12.1815 Romont (FR), 23.2.1898 Friburgo, catt., di Romont e Friburgo. Figlio di Jean-Théodore, sindaco di Romont, Consigliere di Stato e giudice distr., e di Antoinette Moret. (1844) Marie-Antoinette Léocadie, figlia di Antoine de Raemy. Cognato di Charles de Raemy. Dopo le scuole a Romont, Friburgo e Lucerna, studiò diritto a Friburgo e Monaco di Baviera, conseguendo la patente di avvocato (1841). Dal 1841 al 1889 fu titolare del principale studio legale del cant. Friburgo. Fu giudice e pres. del tribunale cant. (1889-98). Dirigente del partito conservatore, fu municipale e vicesindaco di Friburgo (1847), deputato al Gran Consiglio (1846-47 e 1856-98, pres. quasi ogni due anni). Nel 1852 presiedette l'assemblea di Posieux, una dimostrazione di forza dei conservatori nei confronti del governo radicale. Consigliere nazionale (1854-98), ebbe un ruolo di mediatore fra i conservatori e radicali. Collaborò alla Costituzione cant. del 1857 e promosse la stampa catt. (pres. del consiglio di amministrazione della Imprimerie suisse catholique e del quotidiano La Liberté, 1872-98), l'Univ. di Friburgo e in generale la diffusione del pensiero catt. Fece inoltre parte della Soc. degli studenti sviz. e della Soc. piana. Nella seconda metà del XIX sec. fu uno dei più importanti politici conservatori sul piano cant. e nazionale.

Riferimenti bibliografici

  • Schedario presso AEF
  • M. Soussens, «L. de Wuilleret», in Notices biographiques, [1900], 4-6 (presso AEF)
  • Gruner, Bundesversammlung/L'Assemblée, 1, 408
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF