de fr it

Johann JakobHohl

7.6.1834 Wolfhalden, 6.3.1913 Herisau, rif., di Heiden. Figlio di Johann Jakob e di Anna Künzler. 1) (1856) Anna Elisabeth nata H., figlia di Johannes, titolare di un impianto di candeggiatura; 2) (1893) Anna Streiff, figlia di Bartholome. Malgrado il precoce talento commerciale evidenziato già in età scolastica, non poté frequentare la scuola secondaria come desiderava. Dapprima attivo come tessitore e commerciante di vini, divenne in seguito caporeparto nella tessitura Lendenmann a Neukirch (com. Egnach, 1852-53) e poi impiegato presso la fabbrica tessile Züst a Herisau. Nel 1856 aprì uno stabilimento tessile, al quale più tardi rinunciò a favore del commercio di vini. Fu municipale (1864-73, dicastero dell'assistenza pubblica) e sindaco (1869-73) di Herisau, deputato al Gran Consiglio di Appenzello Esterno (1869-74, 1881-83, 1887-96), giudice (1873-74) e pres. (1880-83) del tribunale d'appello, Consigliere di Stato (1874-80, 1883-87; tesoriere 1874-75) e Landamano di Appenzello Esterno (1875-80, 1883-86), e Consigliere agli Stati (1877-1911, pres. 1896). Durante il lungo mandato nel Consiglio degli Stati fece parte di varie commissioni. Pres. della commissione cant. del commercio e dell'artigianato (1877-98), nel 1881 aderì alla Camera sviz. di commercio. La sua carriera politica prese avvio alla Landsgemeinde del 1871, quando dopo le dimissioni dell'intero governo assunse ad interim la direzione degli affari, che gestì con sorprendente abilità. Nonostante la limitata formazione scolastica, raggiunse i massimi onori in ambito politico e godette di grande popolarità. Tra i più brillanti oratori della Landsgemeinde, era considerato un'autorità nelle questioni finanziarie. Prima delle votazioni fed. percorreva l'intero cant. come un tribuno, l'ultima volta per esprimere il suo dissenso nei confronti del sistema proporzionale.

Riferimenti bibliografici

  • Gruner, Bundesversammlung/L'Assemblée, 1, 515 sg.
  • Holderegger, Unternehmer, 188 sg.
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF