de fr it

ZachariasGysel

25.1.1818 Wilchingen, 15.12.1878 Wilchingen, rif., di Wilchingen. Figlio di Johannes, contadino, e di Elisabeth Waldvogel. Nipote di Johann Heinrich Waldvogel. Barbara Rosina Müller, figlia di Simeon, chirurgo e Consigliere di Stato sciaffusano. Dopo l'ist. magistrale a Küsnacht (ZH), studiò diritto a Zurigo (dal 1838) e a Heidelberg (dal 1840); in seguito seguì lezioni di economia politica all'Univ. di Zurigo. Tornato a Wilchingen senza aver conseguito un titolo acc., nel settembre del 1842 fu eletto al Gran Consiglio sciaffusano nel circ. di Wilchingen-Osterfingen-Trasadingen, ma per esercitare il suo mandato (1843-52) dovette attendere di raggiungere l'età minima richiesta (25 anni). Consigliere di Stato (1847-69, 1870-72, 1874-78), promosse importanti modifiche legislative che portarono all'adozione della legge scolastica nel 1850 (creazione delle scuole reali e della scuola cant.), della legge ecclesiastica nel 1854 (rafforzamento della vigilanza statale), del Codice penale nel 1857 (umanizzazione dell'esecuzione delle pene) e della legge sui com. nel 1861 (ridefinizione delle competenze). Primo deputato sciaffusano al Consiglio degli Stati (1848-50, 1855-57), si schierò nei ranghi della sinistra. Parallelamente, trasformò la fattoria paterna in un'azienda modello e si prodigò per la diffusione di aratri migliori, per la soppressione dell'avvicendamento triennale delle colture e per le ricomposizioni parcellari. Nel 1850 rianimò l'Unione contadina cant., inattiva da tempo, e nel 1854 pubblicò un istruttivo opuscolo sul contadino sciaffusano. Nel 1857 lanciò il primo giornale rurale del cant., Der Klettgauer. Dal 1852 al 1858 si batté con grande energia affinché la Ferrovia del Baden optasse di far transitare il proprio tracciato attraverso il Klettgau. Di idee liberal-conservatrici, dal 1870 si oppose al movimento democratico e all'estensione dei diritti popolari, facendo fallire tre progetti di Costituzione cant. che andavano in quella direzione. Dopo aver rifiutato l'elezione in un esecutivo cant. rinnovato in senso democratico (1872), tornò in carica all'inizio del 1874.

Riferimenti bibliografici

  • E. Steinemann, «Z. Gysel», in SchBeitr., 34, 1957, 48-52
  • Gruner, Bundesversammlung/L'Assemblée, 1, 495 sg.
  • R. Steiner, «Z. Gysel», in Schaffhauser Magazin, 1983, n. 3, 25-27
  • SchaffGesch., 1-3
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF