de fr it

Johannes di Viktring

Menz. la prima volta nel 1312, tra il 30.6.1345 e il 31.10.1347 . Nel 1312 fu eletto abate del convento cistercense di Viktring, in Carinzia. L'analisi linguistica delle sue opere fa supporre una sua provenienza da una regione austro-bavarese. Fu cappellano di corte e consigliere del duca Enrico di Carinzia. Nel 1335 divenne cappellano del nuovo signore territoriale, Alberto II d'Austria, e nel 1342 del patriarca Bertrand di Aquileia. Nelle fonti appare spesso come mediatore politico. Fu autore di una cronaca, nota come Liber certarum historiarum, elaborata almeno sei volte, centrata soprattutto sulla storia dei duchi d'Austria fino al 1343. L'opera contiene anche una precoce notizia della sconfitta di Leopoldo I a Morgarten, per cui la ricerca storica sviz. di orientamento nazionalista lo rivendicò come personaggio della storia sviz. La sua testimonianza è però tutt'altro che diretta. Nella sua descrizione del "libero popolo" degli Svizzeri, che, alla stregua di stambecchi, fece cadere pietre dai pendii, fece riferimento al linguaggio visivo dell'Antico Testamento, come Johannes von Winterthur, suo contemporaneo. Scrisse inoltre una breve Cronica Romanorum, a riprova della sua vasta cultura. Gli sono attribuiti, a causa di particolarità stilistiche e linguistiche, anche una storia della fondazione di Viktring e, sulla base di corrispondenze testuali con la cronaca e del carattere tipico delle sue elaborazioni stilistiche, un'enciclopedia sull'arte della guerra, dedicata al duca Otto d'Austria e completata prima del 1335.

Riferimenti bibliografici

  • A. Fournier, Abt Johannes von Viktring und sein Liber certarum historiarum, 1875
  • F. Schneider, «Studien zu Johannes von Viktring», in Neues Archiv der Gesellschaft für ältere deutsche Geschichtskunde [...], 28, 1903, 137-191; 29, 1904, 395-442
  • F. Schneider, «Zur Überlieferungsgeschichte Johannes von Viktrings», in Carinthia 1, 103, 1903, 117-130
  • M. Schnitzer, Die Morgartenschlacht im werdenden schweizerischen Nationalbewusstsein, 1969
  • H. Fichtenau, «Herkunft und Sprache Johannes von Viktrings», in Carinthia 1, 165, 1975, 25-39
  • VL, 4, 1983, 789-793 (con elenco delle op.)
  • W. Stelzer, «Ein Neufund zu Johannes von Viktring», in Kärntner Landesgeschichte und Archivwissenschaft, a cura di W. Wadl, 2001, 131-160
  • K. Ubl, A. Sauter, «Johannes von Viktring als Autor des Speculum militare», in DA, 57, 2001, 515-553
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici Prima menzione 1312 ✝︎ tra il 30.6.1345 e il 31.10.1347