de fr it

Josef KarlBenziger

7.8.1821 Einsiedeln, 23.7.1890 Sankt Fiden, cattolico, di Einsiedeln. Contitolare del Benziger Verlag di Einsiedeln, Consigliere nazionale liberale, Granconsigliere di Svitto e commissario di guerra durante l'affare di Neuchâtel.

Ritratto di Josef Karl Benziger. Litografia tratta dalla Schweizerische Portrait-Gallerie, pubblicata presso Orell Füssli a Zurigo, 1888-1907 (Biblioteca nazionale svizzera, Berna).
Ritratto di Josef Karl Benziger. Litografia tratta dalla Schweizerische Portrait-Gallerie, pubblicata presso Orell Füssli a Zurigo, 1888-1907 (Biblioteca nazionale svizzera, Berna).

Josef Karl Benziger fu un esponente dei Benziger, famiglia cattolica di politici e imprenditori di Einsiedeln. Suo padre Karl Benziger nel 1833 fondò con suo zio Nikolaus Benziger la casa editrice Gebr. Karl & Nicolaus Benziger (Benziger Verlag), che più tardi Benziger avrebbe rilevato con i suoi fratelli minori Martin e Joseph Nicholas Adelrich Benziger insieme a tre cugini. Sua madre Anna Maria nata Meyer era la figlia di un oste di Oberägeri. Il 7 settembre 1845 sposò Magdalena von Reding von Biberegg, discendente di un'antica famiglia patrizia di Svitto, figlia di Balthasar von Reding, eletto direttore della cancelleria federale poco prima della morte.

Josef Karl Benziger frequentò la scuola elementare e abbaziale a Einsiedeln e poi la scuola cantonale a Zugo. In seguito svolse una formazione umanistica al collegio gesuita di Saint Michel a Friburgo, frequentò una scuola commerciale a Ginevra e compì soggiorni linguistici prolungati a Roma e Napoli. Nel 1840 entrò nell'impresa di famiglia quale contabile e responsabile della corrispondenza commerciale. Associato della ditta dal 1860 al 1880, insieme a suo cugino Nikolaus Benziger, marito di sua sorella Meinrada Josefa Benziger, diresse il reparto commerciale delle edizioni Benziger.

Ritratto di famiglia di Josef Karl Benziger e di Magdalena von Reding von Biberegg. Fotografia Atelier Marianus Schönbächler, 1856 ca. (Archiv Stiftung Kulturerbe Einsiedeln, Zbd. 14).
Ritratto di famiglia di Josef Karl Benziger e di Magdalena von Reding von Biberegg. Fotografia Atelier Marianus Schönbächler, 1856 ca. (Archiv Stiftung Kulturerbe Einsiedeln, Zbd. 14). […]

Nella vita pubblica Benziger fu dapprima giudice del tribunale distrettuale e poi giudice cantonale (1856-1872, sostituto fino al 1865). Nel 1863 fu eletto in Consiglio nazionale sulla lista del Partito liberale. Dopo aver sostenuto la revisione parziale della Costituzione federale, che nel canton Svitto era invece stata respinta, su pressioni esterne nel 1866 non si ripresentò per le elezioni federali. Fece parte del Gran Consiglio di Svitto (1864-1887), che presiedette nel 1874-1875. Nel 1872 ottenne un mandato nel Consiglio di Stato, ma rifiutò l'elezione per mancanza di tempo. Esponente del centro, all'inizio della carriera politica Benziger fu un liberale moderato, più tardi assunse posizioni più conservatrici.

Accanto a quella professionale e politica, Benziger compì anche una carriera militare. Fu quartiermastro nella guerra del Sonderbund (1847), commissario di guerra con il grado di brigadiere in Ticino (1849), colonnello e commissario di guerra con il grado di divisionario in Turgovia durante l'affare di Neuchâtel (1856-1857). In famiglia e tra i suoi dipendenti il suo grado militare gli valse l'appellativo «colonnello Benziger».

Ritratti di Josef Karl Benziger. A sinistra: fotografia di J. Keller, Zurigo, 1860 ca. A destra: fotografia Atelier Gebrüder Täschler, Sankt Fiden, 1880 ca. (Archiv Stiftung Kulturerbe Einsiedeln).
Ritratti di Josef Karl Benziger. A sinistra: fotografia di J. Keller, Zurigo, 1860 ca. A destra: fotografia Atelier Gebrüder Täschler, Sankt Fiden, 1880 ca. (Archiv Stiftung Kulturerbe Einsiedeln).

Fortemente ancorato agli ambienti ecclesiastici e cattolici, Benziger coltivò però anche rapporti con altre cerchie, ad esempio con l'imprenditoria zurighese. Presiedette la società per la fondazione di un ospedale a Einsiedeln, creata da suo padre, e promosse attività caritatevoli. Nel 1880 si trasferì a Svitto nella casa signorile Feldli, portata in dote dalla moglie, fino ad allora usata come residenza estiva e durante i fine settimana. Josef Karl Benziger morì d'infarto il 23 luglio 1890 a Sankt Fiden, dove si era recato in visita a uno dei suoi generi.

Riferimenti bibliografici

  • Stiftung Kulturerbe Einsiedeln, Einsiedeln, Nachlassarchiv Benziger Verlag.
  • Bote der Urschweiz, 26.7.1890 (necrologio).
  • Einsiedler Anzeiger, 26.7.1890 (necrologio).
  • Benziger, Karl Josef: Geschichte der Familie Benziger von Einsiedeln, Schweiz, 1923.
  • Gruner, Erich (a cura di): L'Assemblée fédérale suisse 1848-1920, vol. 1, 1966, pp. 307-308.
  • Nauer, Heinz: Fromme Industrie. Der Benziger Verlag Einsiedeln 1750-19702017. Online: Zenodo, consultato il 6.12.2019.
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF

Suggerimento di citazione

Nauer, Heinz: "Benziger, Josef Karl", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 10.12.2019(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/004413/2019-12-10/, consultato il 22.09.2020.