de fr it

AiméHumbert-Droz

Ritratto di Aimé Humbert-Droz. Litografia di Henri Hébert, 1875 (Collezione privata).
Ritratto di Aimé Humbert-Droz. Litografia di Henri Hébert, 1875 (Collezione privata).

29.6.1819 La Chaux-de-Fonds, 19.9.1900 Neuchâtel, rif., di Le Locle e La Chaux-de-Fonds. Figlio di Aimé-Louis, orologiaio, e di Emilie Droz. Cugino di Amédor (->). (1843) Marie Müller (->). Abbandonati nel 1839 gli studi di diritto (svolti a Losanna e a Tubinga), insegnò a Morges (1840-46) e a Berna (1846-48). Radicale, fu segr. del governo provvisorio dopo la rivoluzione repubblicana neocastellana del 1848 e fece parte dell'Assemblea costituente. Membro del Consiglio di Stato, di cui compilò il regolamento organizzativo assieme ad Alexis-Marie Piaget, diresse la cancelleria (1848-50) e il Dip. dell'istruzione pubblica (1850-58). Dal 1854 al 1862 fu deputato al Consiglio degli Stati (pres. 1856). Nel 1852 e 1856 partecipò alla repressione dei movimenti realisti e nel 1857 prese parte alle conferenze di Parigi sulla questione di Neuchâtel. Dal 1888 al 1891 fu consigliere com. di Neuchâtel. Pres. dell'Unione orologiera, fondata nel 1858, organizzò una fiera commerciale a Singapore. Ministro di Svizzera in Giappone nel 1863-64, concluse il primo trattato commerciale tra i due Paesi; fu inoltre attivo come etnografo. Tornato in Svizzera, diresse a Losanna un pensionato per giovani spagnoli di confessione rif. Dal 1866 al 1873 fu rettore dell'Acc. di Neuchâtel, dove in seguito insegnò letteratura (1873-93). Framassone. Fu attivo nella lotta contro la prostituzione.

Riferimenti bibliografici

  • Le Japon illustré, 2 voll., 1870 (ried. nel 1981 con il tit. Voyage au Japon)
  • Fondo presso AEN
  • Gruner, Bundesversammlung/L'Assemblée, 1, 902 sg.
  • Biogr.NE, 3, 185-191
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF