de fr it

KarlKarrer

22.3.1815 Bümpliz (oggi com. Berna), 18.4.1886 Sumiswald, rif., di Bümpliz. Figlio di Mathias, sarto, del Baden (D), dal 1808 di Bümpliz. Elise Burger, figlia di Samuel, medico a Sumiswald. Dopo la scuola cant. a Berna, studiò diritto nella locale Univ. (1834-39), conseguendo la patente di avvocato nel 1841. Fu poi segr. del Dip. bernese delle costruzioni, prefetto a Trachselwald (1846-50; non riconfermato dopo la vittoria elettorale dei conservatori) e avvocato a Sumiswald (1850-86). Deputato radicale al Gran Consiglio bernese (1850-86), rifiutò ripetutamente l'elezione al Consiglio di Stato (1855, 1861 e 1862). Fu inoltre Consigliere nazionale (1848-86, pres. nel 1861-62).

Iniziò la sua carriera politica come tipico esponente dei vecchi liberali durante il regime dei Corpi franchi negli anni 1840-50. In seguito si unì ai radicali moderati indipendenti, che si vedevano come l'anello di congiunzione tra il vecchio liberalismo e il radicalismo della Junge Schule. Fu scettico sull'estensione della democrazia diretta voluta dal movimento democratico. Per anni membro della commissione dell'economia pubblica del cant. Berna, ebbe un ruolo di rilievo nella sorveglianza dei conti pubblici e in questioni giur. Membro del consiglio di amministrazione della Banca cant. bernese, molto influente soprattutto nell'ambito della politica ferroviaria, fu considerato uno dei "magnati dell'Emmental" assieme a Gottlieb Berger. Promosse inoltre la correzione della Grosse Emme. Sul piano fed. si distinse spec. per le posizioni ferme in politica estera e per la missione svolta come commissario fed. durante i disordini in Ticino per la designazione della capitale cant. (1870). Rappresentò la Conf. nel consiglio di amministrazione della Ferrovia del Gottardo. Fece parte della soc. studentesca Zofingia.

Riferimenti bibliografici

  • K. Widmeier, Die Entwicklung der bernischen Volksrechte 1846-1869, 1942, 191 sg.
  • E. Gruner, Edmund von Steiger, 1949, 59
  • Gruner, Bundesversammlung/L'Assemblée, 1, 185
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF