de fr it

VirgileRossel

Ritratto fotografico realizzato verso il 1895 dall'atelier di Arnold Wicky a Berna (Musée historique de Lausanne).
Ritratto fotografico realizzato verso il 1895 dall'atelier di Arnold Wicky a Berna (Musée historique de Lausanne). […]

19.3.1858 Tramelan, 29.5.1933 Losanna, rif., di Tramelan. Figlio di Julien, contadino e sindaco, e di Elise Vuilleumier. Hortense Houriet, figlia di Henri-Louis, notaio. Conseguì la maturità letteraria a Porrentruy e studiò poi diritto a Lipsia, Strasburgo, Berna (dottorato nel 1879) e Parigi. Dopo aver ottenuto il brevetto di avvocato aprì uno studio a Courtelary (1881). Fu professore straordinario di diritto franc. all'Univ. di Berna (1883-12, rettore nel 1894 e 1908) e giudice della seconda Corte civile del Tribunale fed. (1912-32, pres. nel 1929-1930). Segr. di lingua franc. dell'Assemblea costituente bernese (1883-84), fu Consigliere nazionale radicale (1896-1912, pres. nel 1910). Ebbe un ruolo di primo piano nell'elaborazione e nell'esecuzione del diritto sviz. Nell'intento di rafforzare la coesione nazionale, si adoperò per l'unificazione del diritto, dapprima con la pubblicazione di un Manuel du droit civil de la Suisse romande (1886), poi del Manuel du droit fédéral des obligations (1892). Collaboratore di Eugen Huber, fu uno dei principali redattori del Codice civile sviz., di cui fu relatore francofono al momento della sua adozione da parte dell'Assemblea fed. nel 1907. Con Fritz Henri Mentha redasse il Manuel du droit civil suisse (in tre volumi, 1908-12) ed elaborò un'edizione commentata del Codice civile e del Codice delle obbligazioni (1912).

R. fu inoltre molto attivo in tutti i campi della letteratura, distinguendosi come figura di spicco del mondo letterario della Svizzera franc. Storico e critico, pubblicò in particolare una Histoire du Jura bernois (1914) e una Histoire littéraire de la Suisse romande (due volumi, 1889-91). La sua Histoire de la littérature française hors de la France (1895) costituisce un'opera pionieristica nell'ambito della ricerca sulla letteratura francofona. Poeta e romanziere, fu autore di dieci raccolte di poesie, dove predominano tematiche elvetiche, e di 13 romanzi e quattro novelle, caratterizzate da una descrizione poco lusinghiera dei costumi politici. Scrisse inoltre testi per canzoni, tra l'altro per Joseph Bovet. Fu insignito del dottorato h.c. dell'Univ. di Ginevra (1909).

Riferimenti bibliografici

  • Fondo presso ARCJ
  • J. Rossel, Journal de mon père, V. Rossel (1858-1933), 2009
  • Intervalles, 2008, n. 81 (con bibl. ed elenco delle op.)
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF