de fr it

EmileRyser

Stampa di un disegno di un artista sconosciuto, realizzato attorno al 1918, conservata in un fondo della Federazione svizzera dei lavoratori metallurgici e orologiai (Schweizerisches Sozialarchiv, Zurigo, F 5032-Pa-0014).
Stampa di un disegno di un artista sconosciuto, realizzato attorno al 1918, conservata in un fondo della Federazione svizzera dei lavoratori metallurgici e orologiai (Schweizerisches Sozialarchiv, Zurigo, F 5032-Pa-0014).

18.11.1866 Saint-Imier, 14.1.1950 Ginevra, rif., di Sumiswald. Figlio di Johann Rudolf, orologiaio, e di Rosina Affolter. 1) Suzanne Elisa Boillat, figlia di Ferdinand; 2) Julie Hofer nata Schwitzguébel. Dopo la scuola elementare e un apprendistato di incisore, lavorò come orologiaio a Bienne (1884-1907). In seguito fu aggiunto presso il segretariato operaio sviz. a Bienne quale segr. di Herman Greulich (1908-20) e lavorò all'Ufficio intern. del lavoro a Ginevra (1920-26). Dal 1892 al 1907 fu redattore del foglio L'Ouvrier horloger. Membro della Soc. del Grütli e socialista, fece parte del consiglio com. (1898) e del municipio di Bienne (1912-20), del Gran Consiglio bernese (1908-20) e del Consiglio nazionale (1914-22). Fu tra i fondatori e dirigenti della Federazione degli orologiai (1892, rifondazione nel 1912) e contribuì in misura determinante all'unione di quest'ultima con la Federazione dei lavoratori metallurgici per dare vita alla FLMO (1915). Pres. dell'Unione sindacale sviz. (1909-12), dal 1916 partecipò inoltre alla ricostruzione della Federazione intern. dei sindacati e alla fondazione dell'Ufficio intern. del lavoro. Nel 1918 fece parte, come traduttore, del comitato di Olten.

Riferimenti bibliografici

  • Documentazione biografica presso AUSS, Berna
  • Gruner, Bundesversammlung/L'Assemblée, 1, 217
  • M. Hohl, Gegner, Konkurrenten, Partner, 1988, 237
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF