de fr it

FriedrichSchneider

23.9.1886 Soletta, 30.1.1966 Sarnen, senza confessione, di Brügg e Basilea. Figlio di Titus Gottlieb, tipografo e piccolo contadino, e di Rosine Meier. 1) (1908) Bertha Kramer, figlia di Jakob, agricoltore; 2) (1941) Hulda Liebermann. Dopo le scuole a Lommiswil, Soletta, Zuchwil e Biberist, compì un apprendistato di legatore di vetrate (interrotto per ragioni di salute) e, dal 1905 al 1912, una formazione itinerante in Svizzera, Alsazia e Germania. Segr. centrale della Federazione dei lavoratori del commercio e dei trasporti a Zurigo (1912) e a Basilea (1913-16), fu segr. sindacale (1916) e redattore del Vorwärts (1917-20). Membro del Consiglio di Stato di Basilea Città (1920-23, Dip. dell'interno), fu redattore a tempo parziale (1921-23) e poi a tempo pieno (1923-37) della Basler Arbeiter-Zeitung e segr. del PS. Fu amministratore della cassa malati pubblica (ÖKK, 1937-53), pres. della Federazione delle ÖKK della Svizzera (1943-63) e membro del comitato direttivo del Concordato delle casse malati sviz. (1941-64).

Disegno realizzato durante il processo ai membri del comitato di Olten da Hanni Bay e pubblicato nello stenogramma dei dibattiti (Der Landesstreik-Prozess gegen die Mitglieder des Oltener Aktionskomitees vor dem Militärgericht 3 vom 12. März bis 9. April 1919, Berna, 1919; Biblioteca nazionale svizzera).
Disegno realizzato durante il processo ai membri del comitato di Olten da Hanni Bay e pubblicato nello stenogramma dei dibattiti (Der Landesstreik-Prozess gegen die Mitglieder des Oltener Aktionskomitees vor dem Militärgericht 3 vom 12. März bis 9. April 1919, Berna, 1919; Biblioteca nazionale svizzera).

Iniziata la carriera sindacale a Strasburgo (1905), durante la prima guerra mondiale S. divenne un alto dirigente a Basilea. Nel 1918 in seno al comitato di Olten votò contro l'interruzione dello sciopero generale; nel 1919 dovette perciò scontare sei mesi di carcere nel forte di Savatan. Dopo la scissione del PS aderì per un breve periodo al PC e nel settembre del 1921 fondò il partito comunista indipendente, ma alla fine dello stesso anno tornò nel PS. Fu deputato socialista al Gran Consiglio di Basilea Città (1917-20, 1923-53 e 1956-64; pres. 1945), al Consiglio nazionale (1919-39 e 1941-51; in entrambi i casi non rieletto) e alla Costituente di entrambi i semicant. basilesi (1961-66). Tra il 1920 e il 1922 fu tra i principali promotori di un'unione operaia sviz. Sostenitore di posizioni radicali all'inizio della seconda guerra mondiale (Hammer oder Amboss?, 1940), S. si spostò poi verso destra, come dimostra ad esempio la sua proposta in Gran Consiglio di escludere gli iscritti al PdL dagli uffici pubblici (1952). Nel dopoguerra i suoi atteggiamenti autoritari furono oggetto di critiche.

Riferimenti bibliografici

  • Hieronymus Roggenbachs Erlebnisse, 2 voll., 1943-1959 (autobiografia)
  • StABS
  • Gruner, Bundesversammlung/L'Assemblée, 1, 461
  • M. Bolliger, Die Basler Arbeiterbewegung im Zeitalter des Ersten Weltkrieges und der Spaltung der Sozialdemokratischen Partei, 1970
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF

Suggerimento di citazione

Degen, Bernard: "Schneider, Friedrich", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 23.08.2011(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/004690/2011-08-23/, consultato il 28.10.2020.