de fr it

KasparBlättler

16.3.1791 Wollerau, 30.9.1872 Stansstad, catt., di Hergiswil (NW). Figlio di Kaspar, proprietario di una cartiera, e di Aurelia Meister. (1815) Kreszentia von Büren, figlia di Kaspar, ricevitore doganale di Stansstad. Dopo il liceo a Stans, studiò farmacia a Friburgo. Con il fratello Johann, B. rilevò la cartiera paterna del Rotzloch, dove negli anni seguenti sviluppò un complesso industriale. Di sua iniziativa, nel 1860 costruì il ponte di Acheregg sul lago dei Quattro cant. fra Stansstad e il Lopper, collegando così per la prima volta Nidvaldo alla rete stradale sviz. Fu tra i primi imprenditori della Svizzera centrale attivi nel settore del turismo: a Rotzloch sfruttò una sorgente solforosa e aprì un albergo per il quale nel 1857 ottenne la patente di esercente. Pioniere del turismo, scoprì il Pilatus quale meta di viaggio e costruì l'Hôtel Klimsenhorn (1856-60), che ebbe illustri ospiti quali Richard Wagner e la regina Vittoria. Fu proprietario di due battelli a vapore che navigavano sul lago dei Quattro cant. L'attuale chiesa parrocchiale di Hergiswil fu costruita negli anni 1855-57 sotto la sua direzione. A Stans presiedette il comitato incaricato di svolgere i lavori per l'organizzazione della festa fed. di tiro (1861) e fu responsabile delle installazioni per l'inaugurazione del monumento a Winkelried (1865). Radicale e di orientamento progressista, sul piano politico B. riscosse un successo più modesto. Negli anni 1837-47 ricoprì la carica di comandante della guardia (Landmajor) di Nidvaldo, poi di responsabile delle costruzioni. Nel 1849 fu estromesso dal governo dai conservatori. Dal 1851 al 1856 fu sindaco del com. di Stansstad (1851-56) e amministratore parrocchiale di Stans (1856-57). Negli anni 1856-62 svolse un secondo mandato quale responsabile delle costruzioni.

Riferimenti bibliografici

  • StANW
  • K. Flüeler, Rotzloch, Industrie seit 400 Jahren, 1977, 163-214
  • A. von Matt-Blättler, «Bauherr Caspar Blättler, Rotzloch», in Nidwaldner Kalender, 118, 1977, 101-110
  • E. Aschwanden, Nidwalden und der Sonderbund, 1841-1850, 1996
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 16.3.1791 ✝︎ 30.9.1872