de fr it

Johann vonSalisSoglio

28.1.1776 Chiavenna, 23.8.1855 Modena, rif., poi catt. (convertitosi di nascosto a Vienna nel 1813), di Soglio (oggi com. Bregaglia). Figlio di Peter, governatore generale della Valtellina e pres. della Lega Caddea, e di Anna nata S. (1831) Emilia Elisabeth von S.-Zizers. Trascorse l'infanzia nei Grigioni e in Inghilterra, dove la fam. era stata naturalizzata. Studiò diritto a Gottinga e dal 1800 soggiornò spesso a Vienna, dove inizialmente fu attivo come inviato del governo provvisorio retico, sostenuto dall'Austria, e in seguito in affari privati per la restituzione dei beni confiscati negli ex Paesi soggetti grigionesi. Durante la guerra di liberazione del 1813-14 fece parte del partito aristocratico dei cosiddetti Assoluti e fu cofondatore del comitato di Waldshut, formato da reazionari, che, non rispettando la neutralità, fu favorevole all'intervento degli Alleati e alla restaurazione dell'antico Stato delle Tre Leghe con l'aiuto dell'Austria. Nel gennaio del 1814 prese indirettamente parte al putsch reazionario di Coira. Deluso dall'esito del congresso di Vienna, si ritirò a Coira, mantenendo un intenso scambio epistolare con altri reazionari (quali Karl Ludwig von Haller e il conte Friedrich Christian Ludwig von Senfft-Pilsach) e con le cerchie ecclesiastiche. In questo periodo ricoprì numerose cariche politiche: fu più volte Landamano di Sopra Porta tra il 1816 e il 1826, membro del Gran Consiglio grigionese e, nel 1817, quale pres. della Lega Caddea anche del Piccolo Consiglio e inviato alla Dieta fed. Verso la metà degli anni 1820-30 si dimise da tutte le cariche e nel 1836 entrò al servizio degli arciduchi d'Asburgo-Este a Modena in qualità di maggiordomo di corte. Denigrato dai suoi oppositori come "fiutatore di giacobini", "spia austriaca" e "papista", la valutazione del suo operato resta pertanto controversa.

Riferimenti bibliografici

  • AFam Salis-Bondo presso ASGR
  • C. Maranta Tschümperlin, «Graf J. von Salis-Soglio und der konservative Umsturzversuch 1813/14 in Graubünden», in JHGG, 129, 1999, 119-214
Link
Altri link
e-LIR
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 28.1.1776 ✝︎ 23.8.1855