de fr it

Johann CasparSieber

Ritratto stampato presso la Lithographische Genossenschaft Zürich, 1860 ca. (Zentralbibliothek Zürich, Graphische Sammlung und Fotoarchiv).
Ritratto stampato presso la Lithographische Genossenschaft Zürich, 1860 ca. (Zentralbibliothek Zürich, Graphische Sammlung und Fotoarchiv).

12.12.1821 Seebach (oggi com. Zurigo), 22.1.1878 Hottingen (oggi com. Zurigo), rif., poi senza confessione, di Seebach. Figlio di Diethelm, contadino, e di Regula Christinger. Celibe. Dopo la scuola del villaggio, frequentò l'ist. per ragazzi di campagna e la scuola industriale a Zurigo e, nel 1837-39, la scuola magistrale a Küsnacht (ZH), terminata con il diploma di docente di scuola secondaria. Dopo diverse supplenze, fu docente di scuola secondaria a Wetzikon (ZH, 1841-43), dove fu licenziato per violazione dei doveri d'ufficio con l'interdizione dall'esercizio della professione nel cant. per cinque anni. Conseguì la patente di insegnante del cant. San Gallo (1843), che gli fu però revocata per ragioni politiche (1844). Fu poi insegnante a Morat (1845-47), da dove venne allontanato per attività contro il governo conservatore. Da Berna partecipò alla guerra del Sonderbund (1847) come volontario contro Friburgo. In seguito fece ritorno a Morat, dove fu fondatore e redattore del periodico Der Wächter (1848); a causa di rivendicazioni radicali venne nuovamente espulso. In seguito fu redattore della Berner Zeitung (1848-50). Stabilitosi a Uster (1850-69), fu supplente e, dal 1853, docente di scuola secondaria. Seguace del protosocialista Johann Jakob Treichler all'inizio degli anni 1850-60, fece parte del Gran Consiglio zurighese (1854-58). Pioniere del movimento democratico (dal 1860), fu pres. del sinodo scolastico del cant. Zurigo (1860-61) nonché fondatore (1864) e redattore (fino al 1868) del settimanale Der Unabhängige. Nel 1867 collaborò con Salomon Bleuler. Membro della Costituente cant. (1868-69) e della commissione dei 35, fu uno dei padri della nuova Costituzione zurighese. Fu inoltre Consigliere di Stato zurighese (1869-72 e 1872-78; dal 1869 Dip. dell'istruzione pubblica, dal 1875 Dip. della Sanità, dal 1877 Dip. degli interni).

Attivo nel campo della politica scolastica, S., influenzato da Ignaz Thomas Scherr, riteneva che l'educazione dell'essere umano a cittadino responsabile avrebbe anche contribui a risolvere la questione sociale. Come Consigliere di Stato cercò di realizzare i suoi obiettivi con un'ampia legge sull'insegnamento; il progetto venne però respinto dal popolo nel 1872 a causa delle numerose innovazioni e nel giugno dello stesso anno non venne rieletto. Dopo aver riconquistato il seggio nell'elezione suppletiva di settembre, realizzò singoli punti del suo programma, tra cui la fondazione della scuola tecnica superiore a Winterthur.

Riferimenti bibliografici

  • Fondo presso Biblioteca Paul Kläui, Uster
  • R. Renschler, Die Linkspresse Zürichs im 19. Jahrhundert, 1967, 208-212
  • T. Koller, Volksbildung, Demokratie und soziale Frage, 1987
  • M. Köhler, J. C. Sieber, 2003
  • AA. VV., Schule macht Geschichte, 2007
  • NDB, 24, 322 sg.
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF

Suggerimento di citazione

Bürgi, Markus: "Sieber, Johann Caspar", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 24.02.2011(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/005898/2011-02-24/, consultato il 01.12.2021.