de fr it

JeanClivaz

17.4.1925 Randogne, 15.2.2021 Saint-Maurice, cattolico, di Randogne. Figlio di Antoine Clivaz, operaio di fabbrica e piccolo contadino. Verena Schmutz, figlia di Christian Schmutz, titolare di un'impresa di trasporti. Frequentò le scuole primarie a Sierre e una scuola commerciale privata a Zurigo e a Losanna. Svolse un apprendistato (1947-1948) in una stazione delle FSS e fino al 1957 lavorò poi per le FFS in diverse stazioni. Dopo essersi perfezionato presso la Federazione svizzera dei ferrovieri (SEV), ne fu segretario (dal 1961) e  redattore dell'edizione francese del suo organo di stampa Le Cheminot (1970-1975). Fu pure segretario centrale per la Svizzera francese dell'Unione sindacale svizzera (USS, 1975-1981). Fu il primo presidente romando della Federazione svizzera dei ferrovieri (1981-1987) e occupò inoltre la carica di direttore generale delle Poste, telefoni e telegrafi (PTT, 1987-1990). Prima di essere eletto al Consiglio nazionale (1983-1987), Clivaz, socialista (Partito socialista, PS) e sindacalista, non si era impegnato in politica né a livello comunale né a livello cantonale. I punti chiave della sua attività di Consigliere nazionale bernese sono stati la promozione dei trasporti pubblici, gli obiettivi politico-sociali e relativi al diritto del lavoro del personale federale, oltre ai programmi della Confederazione per la creazione di posti di lavoro in tempo di crisi. Noto per la sua disponibilità al dialogo e il suo impegno in favore dei contratti collettivi di lavoro, Clivaz tuttavia non fece mai della pace sociale un dogma.

Riferimenti bibliografici

  • Die Weltwoche, 13.10.1982.
  • Unione sindacale svizzera (a cura di): SGB-Pressedienst, 16.4. e 24.9.1987.
  • Der Eisenbahner. Zeitung des Schweizerischen Eisenbahner-Verbandes (SEV), 28.5.1987.
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF

Suggerimento di citazione

Stettler, Peter: "Clivaz, Jean", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 26.04.2021(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/006250/2021-04-26/, consultato il 30.11.2021.