de fr it

ValentinGitermann

Durante il congresso del partito socialista nel 1957 (Schweizerisches Sozialarchiv, Zurigo, F Fa-0007-40).
Durante il congresso del partito socialista nel 1957 (Schweizerisches Sozialarchiv, Zurigo, F Fa-0007-40).

4.6.1900 Uman (Ucraina), 21.6.1965 Zurigo, isr., più tardi senza confessione, dal 1929 di Zurigo. Figlio di Marcus, insegnante e socialdemocratico, e di Chaja Mindlja Lvovna Seidmann. 1) (1925) Stefania Feigenbaum, figlia di Eliasz, di Varsavia; 2) (1934) Hedwig Oechsli, figlia di Wilhelm, chimico, e abiatica di Wilhelm Oechsli; 3) (1950) Lilian Westphal, attrice, figlia di Paul, di Monaco. Per ragioni politiche, la fam. si rifugiò a Berlino (1905) e poi a Ginevra (1907), prima di stabilirsi dal 1908 a Zurigo (breve ritorno a Uman nel 1911). Crebbe in condizioni molto modeste. Dal 1919 al 1923 studiò storia, diritto pubblico, storia dell'arte e psicologia a Zurigo, Berlino e Varsavia, conseguendo il dottorato a Zurigo nel 1923. Svolse studi di storia a Berlino, Vienna e Varsavia e fino al 1933 fu collaboratore del periodico Archiv für Sozialwissenschaft und Sozialpolitik. Insegnò alla scuola commerciale della Soc. sviz. degli impiegati di commercio (1924-29), all'Ist. Minerva (1924-31) e alla scuola femminile di Zurigo (1932-65) e parallelamente tenne numerosi corsi all'Univ. popolare (dal 1928), di cui fu anche membro del consiglio di fondazione e del consiglio di vigilanza, e all'interno della commissione di formazione del partito socialista zurighese (1931-62). Affiliato alla Federazione sviz. del personale dei servizi pubblici (SSP/VPOD), aderì al partito socialista nel 1930, e dal 1944 al 1965 fu Consigliere nazionale. Fu redattore della rivista socialista Rote Revue (1946-52).

Influenzato da Eduard Fueter, come storico adottò un approccio economico e sociale e cercò di sviluppare criticamente il pensiero marxista. Autore di opere sulla Russia (Storia della Russia, tre volumi, 1963, ted. 1944-49; Geschichte der Russischen Revolution nella Propyläen-Weltgeschichte, 1960), sulle idee socialiste, sull'Illuminismo e sulla Svizzera (Geschichte der Schweiz, 1941), sviluppò poi questi temi anche in testi a carattere divulgativo e in numerose conferenze e articoli. In ambito politico si dedicò soprattutto a questioni culturali e sociali. Negli anni 1950-60 si impegnò contro la Guerra fredda.

Riferimenti bibliografici

  • Fondo in possesso della fam.
  • Volksrecht, 22.6.1965
  • TA, 26.6.1965
  • Rote Revue, n. 7/8, 1965
  • B. Ilari-Kopp, V. Giterman (1900-1965), mem. lic. Zurigo, 1986 (con elenco delle op.)
  • R. Aegerter, Die Entwicklung der historischen Osteuropakunde in der Schweiz bis 1971, mem. lic. Zurigo, 1988, 62-69
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF