de fr it

JulesHumbert-Droz

23.9.1891 La Chaux-de-Fonds, 16.10.1971 La Chaux-de-Fonds, rif., di Le Locle. Figlio di Jules-Alfred, operaio orologiaio socialista, e di Marie Bille. (1916) Jenny Perret (->). Studiò teol. a Neuchâtel, Parigi e Berlino. Pastore a Londra, fu poi redattore del quotidiano socialista La Sentinelle (1916-19). Fu incarcerato più volte per obiezione di coscienza e per aver partecipato allo sciopero nazionale. Nel 1919 fondò la rivista Le Phare, fautrice dell'adesione alla terza Internazionale. Ebbe un ruolo decisivo nella fondazione del partito comunista sviz. (PC). Eletto al segretariato (estate 1921), poi alla presidenza (1926) del comitato esecutivo del Komintern, in seno al quale si occupò dei Paesi lat., effettuò numerose e lunghe missioni in Francia e Italia come pure in Spagna, Portogallo, Belgio e America lat. Contrario alla frazione Trockij-Zinoviev, si schierò dapprima con Stalin e Bucharin, poi con il gruppo di Bucharin contro Stalin. Benché fosse stato condannato dal Komintern (fine del 1928), restò al servizio di questa org. fino al ritorno in Svizzera (autunno 1931), schierandosi tuttavia con il gruppo d'opposizione dei conciliatori. Quale resposabile politico del PC, nel 1932 fu nuovamente costretto all'autocritica dal comitato esecutivo del Komintern, che lo accusò di "opportunismo di destra". Fu reintegrato alla guida del partito solo alla fine del 1935, in seguito all'adozione della linea del fronte popolare di fronte alla minaccia fascista. In seguito appoggiò la politica di Stalin e difese i processi di Mosca. Entrato nel Consiglio nazionale nel 1938, vi restò fino all'anno seguente, quando il PC perse i suoi due mandati. Allontanato dalla direzione del partito nel 1942, ne fu espulso nel 1943 a causa di divergenze personali e politiche. Aderì allora al partito socialista (1943), divenendo segr. centrale (1946-59) e segr. della sezione neocastellana. Uomo politico di grande integrità, al di là del cambiamento di partito rimase fedele all'ideale socialista e, con qualche riserva, al pacifismo.

Riferimenti bibliografici

  • Le christianisme et le socialisme, 1914
  • Mémoires, 4 voll., 1969-1973
  • Fondo presso BVCF
  • Archives de J. Humbert-Droz, 5 voll., 1970-2001
  • Centenaire J. Humbert-Droz: actes, 1992
  • B. Studer, Un parti sous influence, 1994
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 23.9.1891 ✝︎ 16.10.1971