de fr it

OlivierReverdin

15.7.1913 Ginevra, 16.6.2000 Ginevra, rif., di Ginevra. Figlio di Henri, professore di filosofia, e di Gabrielle Bouthillier de Beaumont. Abiatico di Jaques Louis (->). Renée, figlia di Paul Chaponnière. Studiò lettere all'Univ. di Ginevra, dove conseguì la licenza (1935) e il dottorato (1945), a Parigi presso la Sorbona, il Collège de France e l'Ecole pratique des hautes études (1935-36) e alla scuola franc. di Atene (1936-38). Insegnante a Ginevra (ginnasio propedeutico e liceo, 1938-39 e 1944-45) e alla scuola di Les Roches in Normandia (1939-40), fu poi libero docente (dal 1945) e professore ordinario (1958-83) di lingua e letteratura greca all'Univ. di Ginevra. Durante la seconda guerra mondiale fu addetto della legazione sviz. a Roma (servizio degli interessi esteri, 1941-44). Corrispondente a Berna del Journal de Genève (1945-54), ne divenne poi caporedattore (1954-59) e direttore (1954-63) prima di entrare a far parte del suo consiglio di amministrazione (pres., 1968-82). Consigliere nazionale liberale (1955-71, commissione delle tariffe doganali e commissione incaricata dello studio del problema della manodopera straniera), poi Consigliere agli Stati (1971-79), fu pure il primo Svizzero a divenire pres. dell'assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa (1969-72). Membro di numerosi organismi scientifici, presiedette in particolare il consiglio della Fondazione Hardt per lo studio dell'antichità classica (1958-95), l'Acc. sviz. delle scienze morali e sociali (1960-68), il Consiglio nazionale per la ricerca (1968-81) e la Conferenza europea di biologia molecolare (1968). Fu pure membro fondatore del Club di Roma (1968) e fece parte di numerose acc. e soc. scientifiche straniere. Fu insignito della medaglia d'oro Robert Schuman (1974) per il suo impegno europeo e di diversi dottorati h.c.

Riferimenti bibliografici

  • Homère chez Calvin, 2000 (con bibl. ed elenco delle op.)
  • NZZ, 22.6.2000
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF