de fr it

Hans KonradSonderegger

10.10.1891 Heiden, 3.9.1944 Scuol, rif., di Heiden. Figlio di Wilhelm, insegnante e Consigliere di Stato, e di Susanna Rhyner. Fratello di René (->). (1917) Maria Clavuot, figlia di Rudolph, di Zernez. Dopo la scuola cant. a Trogen (1907-11), studiò teol. a Basilea, Zurigo e Marburgo (1911-16) e diritto e scienze politiche a Zurigo e Berna (1920-23), conseguendo il dottorato in diritto (1923). Fu pastore rif. a Lavin e Guarda (1916-20), oltre che redattore del Fögl d'Engiadina (1920) e cofondatore della Gazetta Ladina (1921). Fu titolare di uno studio legale a Teufen (AR, 1924-27), poi a Heiden. Come redattore lavorò per i giornali Säntis (1924-35), Landschäftler (1927-43), Beobachter e Neue Bündner Zeitung. Nel 1936 diede vita al foglio Der Demokrat, suo portavoce personale, che divenne presto il secondo giornale di Appenzello Esterno. Municipale a Teufen (1926-27) e Heiden (1937-44), Fu giudice cant. (1929-32), membro del Gran Consiglio (1933-44) e Consigliere agli Stati (1934-35) di Appenzello Esterno nonché Consigliere nazionale di Basilea Campagna (1939-43). Basò il suo impegno politico sulla teoria dell'economia libera di Silvio Gesell, alla quale si era avvicinato nel 1920, e che tentò di mettere in pratica per risolvere la crisi economica. Gli editoriali sui giornali di cui fu redattore lo resero popolare. Nel 1931 entrò nello Schweizer Freiwirtschaftsbund e presto ne divenne uno dei principali esponenti. Fu uno dei più vivaci ma anche più controversi politici degli anni 1930-50. Nel 1943, divergenze interne al Freiwirtschaftsbund portarono alla pubblicazione di alcune lettere private di S., in cui nell'estate 1940 auspicava l'insediamento di un nuovo Consiglio fed. e un'intesa con le vittoriose potenze dell'Asse. La successiva campagna diffamatoria mise fine alla carriera politica e compromise seriamente anche la salute di S.

Riferimenti bibliografici

  • Fondo presso AfZ
  • A. Kundert, «Erinnerung an den streitbaren H. K. Sonderegger», in BHBl, 35, 1970, 529-535
  • W. Schläpfer, Pressegeschichte des Kantons Appenzell Ausserrhoden, 1978
  • H. K. Sonderegger, HKS - H. K. Sonderegger, 1991
  • AA. VV., Das Archiv für Zeitgeschichte und seine Bestände, 1999, 155-157
Link
Altri link
e-LIR
Controllo di autorità
GND
VIAF

Suggerimento di citazione

Fuchs, Thomas: "Sonderegger, Hans Konrad", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 19.04.2011(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/006576/2011-04-19/, consultato il 18.09.2021.