de fr it

FranzWelti

25.3.1879 Aarburg, 30.9.1934 Basilea, rif., di Basilea e Zurzach. Figlio di Franz Adolf, direttore dell'ist. di rieducazione di Aarburg, e di Lisa Kettiger. Fratello di Gustav Adolf (->). Abiatico di Johannes Kettiger. Nipote di Emil (->) e di Johann Jakob (->). (1909) Rosina Stamm nata Preiswerk, vedova ed erede dell'impresario costruttore Johann Stamm. Dopo il liceo ad Aarau, conseguì la maturità a Zurigo (1899), studiò diritto a Zurigo, Basilea e Lipsia, dove conseguì il dottorato (1903). In seguito lavorò al ministero pubblico di Basilea, dal 1907 come giudice istruttore ordinario. Nel 1910 aprì un proprio studio legale. Il suo percorso politico lo portò dalla soc. studentesca Helvetia ai radicali di sinistra fino all'adesione al PS (1908), dove fece rapidamente carriera, diventando pres. dell'Unione operaia (1910) e del PS di Basilea (1912). Nel 1917 passò dall'ala destra a quella sinistra del partito e nel 1918-20 presiedette nuovamente la sezione basilese del PS. In occasione dello sciopero generale diresse il locale comitato di sciopero; avvocato, durante il processo per lo sciopero generale (1919) acquisì fama nazionale. Esponente più influente dell'ala sinistra nel comitato direttivo del PS sviz., fu il primo a pronunciarsi a favore dell'adesione all'Internazionale comunista. Nel 1920 abbandonò la sua posizione dirigente in seno al PS e con l'ala sinistra del partito fondò il PC sviz. Fu pres. del comitato centrale del PC sviz. fino al 1927, quando su pressione di Mosca fu silurato e diffamato pubblicamente. Fu deputato al Gran Consiglio di Basilea (1911-34), Consigliere nazionale (1925-32) e membro di numerose importanti commissioni a Basilea. Fedele al comunismo fino alla morte, W. fu un oratore brillante, particolarmente a suo agio nei dibattiti. Il solido radicamento per origini fam., professione e ricchezza, nell'élite borghese, evidenziato anche nelle sedute a porte chiuse delle commissioni, era in netto contrasto, anche per i contemporanei, con il ruolo di pres. del PC sviz.

Riferimenti bibliografici

  • M. Bolliger, Die Basler Arbeiterbewegung im Zeitalter des Ersten Weltkrieges und der Spaltung der Sozialdemokratischen Partei, 1970
  • P. Stettler, Die Kommunistische Partei der Schweiz, 1921-1931, 1980
  • B. Studer, Un parti sous influence, 1994
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF