de fr it

EdgarWoog

NumaStirner

24.4.1898 Liestal, 20.6.1973 Zurigo, isr., poi senza confessione, di Basilea e Zurigo. Figlio di Henri, commerciante. 1) (1935) Klavdia Petrovna Nazarova, cittadina sovietica; 2) (1940) Lydia W. (->). Dopo le scuole a Basilea, svolse un apprendistato di commercio ad Amburgo senza concluderlo. Tornato a Basilea, aderì al PS (1918). Stabilitosi in Messico (dal 1920), si formò come bibliotecario e fu tra i fondatori del PC messicano, contribuendo poi al suo sviluppo. Fu delegato al terzo e al quarto congresso dell'Internazionale comunista (IC, 1921 risp. 1922). Dal 1922 al 1935 lavorò per l'IC (membro del comitato esecutivo dal 1922 e della commissione intern. di controllo dal 1924, principalmente a Mosca fino al 1927, nel 1928 segr. dell'ufficio dell'Europa occidentale a Berlino, poi in Spagna e a Mosca). Dal 1935 si stabilì a Zurigo, dove aprì una libreria. Nel 1936 entrò a far parte del comitato centrale del PC sviz. Attivo nell'organizzazione dei combattenti volontari nell'esercito repubblicano spagnolo (1936-37), fu condannato e incarcerato per aver promosso l'arruolamento in eserciti stranieri (1938-39). Dopo il divieto del PC sviz. (1940), gli furono inflitte diverse pene detentive per attività comunista illegale. Fu tra i fondatori del PdL (1944) e membro della direzione del partito. Fu municipale di Zurigo (1946-49, lavori pubblici I), segr. generale del PdL (1949-68), consigliere com. (1950) e Consigliere nazionale (1947-55). Nonostante la critica ai crimini stalinisti, rimase sempre un convinto sostenitore del comunismo. Durante il suo mandato come municipale, fu arrestato (1947) con l'accusa di appropriazione indebita di donazioni e venne condannato (1949); le motivazioni reali della destituzione dalla carica politica che ne conseguì erano di ordine politico e vanno ricollocate nel contesto della Guerra fredda.

Riferimenti bibliografici

  • Fondo presso Sozarch
  • Doc. relativi ai municipali presso ACit Zurigo
  • Vorwärts, 28.6.1973; 4.7.1974
  • AA. VV., "Niemals vergessen!", 1976, 55-62
  • P. Stettler, Die Kommunistische Partei der Schweiz, 1921-1931, 1980, 512
  • TA, 21.8.1992
  • P. Huber, Stalins Schatten in der Schweiz, 1994
  • B. Studer, Un parti sous influence, 1994
  • A. A. Häsler, Einen Baum pflanzen, 1996, 179-190
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 24.4.1898 ✝︎ 20.6.1973