de fr it

AngioloMartignoni

3.4.1890 Lugano, 9.1.1952 Lugano, catt., di Lugano. Figlio di Gaspare, ragioniere, municipale di Lugano e deputato al Gran Consiglio ticinese, e di Adele Martinoli. Lucia Rava. Dopo il liceo a Lugano, studiò diritto alle Univ. di Heidelberg e Berna, dove conseguì il dottorato nel 1916 con una tesi sul patriziato ticinese. Avvocato e notaio a Lugano, fu deputato conservatore alla Costituente cant. (1921) e al Gran Consiglio ticinese (nel 1926-27 in sostituzione del padre defunto; nel 1951-52 eletto su una lista denominata "Vecchi conservatori e agrari" che si contrapponeva a quella conservatrice). Consigliere di Stato (1927-47, Dip. delle finanze e della giustizia e, dal 1935, dell'agricoltura e dell'interno), si distinse per il suo impegno in favore dell'agricoltura. Collaboratore del periodico L'Adula nel primo dopoguerra e simpatizzante del fascismo, nell'aprile del 1930 incontrò Benito Mussolini, da cui ottenne cospicui finanziamenti (80'000 frs. dell'epoca) con la promessa di favorire uno spostamento a destra del partito conservatore e degli equilibri politici cant. Queste relazioni, oggetto ancora oggi di interpretazioni storiografiche diverse, furono scoperte solo attorno agli anni 1970-80.

Riferimenti bibliografici

  • M. Cerutti, Fra Roma e Berna, 1986, spec. 337-348
  • A. Lepori, F. Panzera (a cura di), Uomini Nostri, 1989, 103
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 3.4.1890 ✝︎ 9.1.1952