de fr it

Montbéliard

Com. franc., Dip. Doubs. Pop: 27'566 ab. nel 1999; (antico nome ted.: Mömpelgard). Situato al confine tra i territori germ. e quelli franc., M. ottenne le franchigie da Rinaldo di Borgogna nel 1283, lo stesso anno di Porrentruy. La storia delle due città, divise dalla Porta di Borgogna, ebbe un'evoluzione parallela.

All'inizio del XII sec., i de Montfaucon, importante fam. della Franca Contea che aveva possedimenti a M., si stabilì nell'Ajoie e nel Paese di Vaud. Nel 1236 Porrentruy e una parte dell'Ajoie vennero cedute a titolo vitalizio a Thierry III, conte de M. Alla sua morte, la città avrebbe dovuto tornare nelle mani del conte de Ferrette. Quest'ultimo nel frattempo aveva però ceduto i suoi diritti al vescovo di Basilea e così dal 1282 Porrentruy dipese strettamente dal principe vescovo. Nel 1386 con l'acquisto del castello e della città di Porrentruy da parte del conte Etienne de M. gli equilibri mutarono, ma nel 1461 il principe vescovo ritornò in possesso di Porrentruy facendo valere il diritto di riscatto. Nel 1407 M. passò per via matrimoniale ai principi del Württemberg, che nel XVI sec. introdussero la Riforma, sostenuta dal predicatore Guillaume Farel. La rivalità tra i principi de M. e il vescovo di Basilea, nata in quel periodo e alimentata dalle pretese sulla fortezza di Franquemont, perdurò fino alla Rivoluzione, durante la quale Porrentruy soppiantò M. nella gerarchia amministrativa. Soltanto nel 1815 M. venne incorporato nel Dip. del Doubs e ottenne il rango di sottoprefettura. La crescita economica di M. nel XIX sec. fu legata spec. allo sviluppo dell'industria orologiera, che spinse numerosi Svizzeri (sia operai sia imprenditori) a trasferirsi nella città: nel 1914 la comunità sviz. era la più numerosa tra le colonie straniere presenti a M. Tuttavia dopo la prima guerra mondiale il settore perse rapidamente di importanza, a vantaggio dalla metallurgia, che dopo la seconda guerra mondiale conobbe uno straordinario sviluppo grazie all'industria automobilistica (Peugeot).

Riferimenti bibliografici

  • Le Pays de Montbéliard et l'Ancien Evêché de Bâle dans l'Histoire, 1984
  • Dictionnaire des communes du département du Doubs, 4, 1985, 2062-2151
Link
Controllo di autorità
GND

Suggerimento di citazione

Courtieu, Jean: "Montbéliard", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 09.09.2008(traduzione dal francese). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/007088/2008-09-09/, consultato il 04.12.2020.