de fr it

Öhningen

Com. Baden-Württemberg (D), distr. Costanza; (788: Oninga). Situato all'estremità occidentale del bacino inferiore (Untersee) del lago di Costanza, confina con il territorio della città di Stein am Rhein. Pop: 1052 ab. nel 1875, 1280 nel 1950, 3650 nel 2003. La posizione strategica di Ö. nel punto in cui il lago di Costanza defluisce nel Reno, indusse i Romani a costruire nel II sec. un ponte che collegava Eschenz (Tasgetium) alla riva opposta presso Ö., attraverso l'isola di Werd. Alcune tombe con ricchi corredi del VII e VIII sec. indicano Ö. come un precoce insediamento alemanno. Un certo conte Kuno, identificato con Corrado I (982-997), duca di Svevia, nel 965 fondò a Ö. un convento, che deteneva anche beni e diritti in località dell'attuale territorio sviz., soprattutto nel cant. Sciaffusa. L'imperatore Enrico VI assegnò i diritti di baliaggio su Ö. al vescovo di Costanza (1191). Nel 1535 la collegiata agostiniana di Ö. (soppressa nel 1803) fu incorporata nella diocesi di Costanza. Numerosi trattati fra Ö. e la città di Stein am Rhein regolavano il commercio, la navigazione sul lago di Costanza e sul Reno, e la pesca. Dal 1911 l'approvvigionamento energetico di Ö. è assicurato dalla centrale elettrica del cant. Sciaffusa. Ö. possiede 42 ettari di bosco sul territorio com. di Stein e Stein ne possiede 34 su quello di Ö.

Riferimenti bibliografici

  • H. Berner (a cura di), Dorf und Stift Öhningen, 1966
  • H. Berner (a cura di), Öhningen, 1988