de fr it

Doubsfiume

Affluente della Saône lungo 430 km, il Doubs ha la sua sorgente nei pressi di Mouthe (Dipartimento francese del Doubs). Per 43,8 km segna la frontiera tra Francia e Svizzera, da Les Brenets a Clairbief (Soubey), poi forma un'ampia ansa di 30,3 km che circonda il massiccio del Clos du Doubs e quindi lascia la Svizzera a La Motte (Ocourt). La frontiera passa in mezzo al Doubs sul suo tracciato franco-neocastellano (Les Pargots-Biaufond) e sulla riva destra sul suo tracciato franco-giurassiano (Biaufond-Clairbief). La delimitazione dei confini fra Neuchâtel e la Franca Contea fu stabilita nel 1524. Vi sono ponti a Goumois, Soubey e a Saint-Ursanne. Mugnai e segatori trassero profitto dalla forza idraulica del fiume (mulini, industria del legno). Le fucine di Chercenay e di Bellefontaine furono realizzate nel 1564, tre anni dopo la costruzione di quelle di Ocourt (artigianato del metallo). A Lobschez (Soubey, 1659-1697), Biaufond (1747-1790) e sul territorio francese furono attive delle vetrerie (vetro). Venne praticata anche la fluitazione, soprattutto dopo che un regolamento del 1836 aveva autorizzato l'esportazione del legname. Tra il 1892 e il 1907 furono costruite cinque centrali idroelettriche (industria elettrica). Dichiarata zona protetta nel 1974, la pittoresca valle del Doubs (con le sue gole e la cascata del Saut-du-Doubs) è orientata soprattutto al turismo (pesca e canoa).

Riferimenti bibliografici

Completato dalla redazione
Link
Controllo di autorità
GND

Suggerimento di citazione

Claude Rebetez: "Doubs (fiume)", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 27.02.2024(traduzione dal francese). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/007146/2024-02-27/, consultato il 18.07.2024.