de fr it

AndreasHeusler

8.3.1802 Basilea, 11.04.1868 Basilea, rif., di Basilea. Figlio di Leonhard (->) e di Agnes Mitz. (1830) Dorothea Ryhiner. Dopo le scuole a Basilea e il liceo a Stoccarda, studiò diritto a Tubinga e Jena (1821-26), conseguendo il dottorato nel 1826. Viaggiò in Francia e Inghilterra e, nel 1828, ottenne l'abilitazione all'Univ. di Basilea. Fu libero docente di diritto pubblico sviz., membro del tribunale criminale, segr. della Soc. di utilità pubblica e professore di storia del diritto romano, diritto penale e diritto pubblico sviz. (1830). Deputato conservatore al Gran Consiglio di Basilea, poi di Basilea Città (1830-68), fu incaricato di perseguire gli insorti della campagna basilese rifugiatisi a Olten e Aarau, ma non ebbe successo (1831). Membro del Piccolo Consiglio (1831-47), insegnò ancora solo a titolo volontario. Fu membro del collegio dell'educazione (1832, pres. 1833), pres. del consiglio di vigilanza dell'Univ. (1832), membro del collegio della giustizia e polizia e pres. della commissione del notariato (1836-51). Attivo in campo univ. e scolastico, contribuì alla fondazione della Libera Soc. acc. (settembre 1835), da lui presieduta fino alla morte. Presentò alcuni progetti per la riorganizzazione dell'Univ. (1835, 1836). Delegato alla Dieta fed. (1838, 1840 e 1844), cercò di risolvere la crisi dei conventi di Argovia e di prevenire quella del Sonderbund. Collaboratore e caporedattore della Basler Zeitung (1831-59), fu autore di numerosi editoriali. Uno dei suoi articoli contro i radicali, in cui definiva le bandiere delle Soc. fed. di tiro come "stracci", provocò uno scandalo (1847); per questo non fu rieletto al Piccolo Consiglio, pur restando deputato al Gran Consiglio fino alla morte. Dal 1850 fu nuovamente professore ordinario presso l'Univ. di Basilea, di cui fu rettore nel 1867. Si distinse anche per le sue opere scientifiche, in cui illustrava la storia costituzionale di Basilea Città e Basilea Campagna passando da una prospettiva sistematica a una storica.

Riferimenti bibliografici

  • Die Trennung des Kantons Basel, 2 voll., 1839-1842
  • StABS
  • Fondo presso UBB
  • E. His, Basler Staatsmänner des 19. Jahrhunderts, 1930, 123-134
  • W. Kaegi, Jacob Burckhardt, 2, 1950, 440-458, 559 sg.
  • M. Burckhardt, «Der Ratsherr A. Heusler als jugendlicher Patriot und Aufklärer», in BZGA, 1991, 209-229
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF