de fr it

Jean-FrançoisDéglise

verso il 1755 a Châtel-Saint-Denis, 1.6.1818 Châtel-Saint-Denis, catt., di Châtel-Saint-Denis. Figlio di Jean, contadino, e di Agnès Michaud. Elisabeth Chollet, figlia di Pierre Joseph, contadino, di Vaulruz. Dal 1774 D. studiò medicina a Lione. Dopo qualche anno trascorso all'estero, si stabilì a Châtel-Saint-Denis dove esercitò le professioni di medico e notaio. Aperto alle idee rivoluzionarie, si dimostrò tuttavia ostile all'emancipazione delle campagne. Prefetto nazionale del cant. Friburgo (1798-1802), deputato alla Dieta fed. di Berna (1801), senatore elvetico (1802), era noto come federalista. Nel 1803 fece parte della commissione incaricata di introdurre l'Atto di mediazione e di amministrare il cant. durante il periodo transitorio e della commissione che elaborò la Costituzione cant. Dopo il rientro a Châtel-Saint-Denis, dove riprese la sua attività di medico, fu prefetto del distr. di Châtel-Saint-Denis (1811-16) e deputato nel Gran Consiglio friburghese (1813-14).

Riferimenti bibliografici

  • L. Philipona, Histoire de la seigneurie et bailliage de Châtel-St-Denis en Fruence de 1100 à 1800, 1921, 901 sg.
  • M. Michaud, La contre-révolution dans le canton de Fribourg (1789-1815), 1978
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ ca. 1755 ✝︎ 1.6.1818