de fr it

Franz JoachimSchmid

Unico ritratto conosciuto dell'uomo politico svittese. Bassorilievo di cera colorata realizzato da Josef Anton Birchler, modellatore di cera di Einsiedeln, 1830 ca. (Collezione privata) © Fotografia Staatsarchiv Schwyz.
Unico ritratto conosciuto dell'uomo politico svittese. Bassorilievo di cera colorata realizzato da Josef Anton Birchler, modellatore di cera di Einsiedeln, 1830 ca. (Collezione privata) © Fotografia Staatsarchiv Schwyz.

6.5.1781 Lachen, 8.1.1839 Lachen, catt., di Lachen. Figlio di Franz Joachim, maestro di corporazione, e di Maria Theresia Hegner. (1797) Josepha Steinegger, figlia di Peter Josef Meinrad, cerusico, vedova Hunger. Usciere (1799), in veste di Consigliere (1802-03) si oppose alla ricongiunzione del distr. della March al cant. Svitto, che nel 1803 lo sollevò dall'incarico. Di nuovo Consigliere (1807), fu poi membro del Gran Consiglio svittese (1808), prefetto del distr. della March (1812-14), inviato della March alla Dieta fed. durante la lotta contro i tentativi di restaurazione dell'antico Paese di Svitto (1814), Landamano del distr. della March (1814-18), delegato di Svitto alla Dieta (1815), Vicelandamano (1818-20, 1822-24, 1830-32) e Landamano (1820-22, 1824-26) della March nonché membro del tribunale distr. (pres. nel 1821-26). In occasione della separazione da Svitto dei distr. March, Einsiedeln, Küssnacht e Pfäffikon (1831) riuscì a ottenere la piena uguaglianza giur. per questi ultimi; inoltre divenne Landamano del neocostituito semicant. di Svitto Esterno. Dopo la riunificazione nel 1833 presiedette la Costituente. Inviato alla Dieta fed., pres. del Gran Consiglio e del tribunale cant. (1833-34), fu esautorato dalla Landsgemeinde della March (1834). In seguito passò dalla parte dei difensori del vecchio ordine di Svitto Interno, che gli procurarono un seggio in Gran Consiglio, nella commissione governativa e nel tribunale cant. Dal 1836 al 1838 fu Vicelandamano cant. e dal 1838 al 1839 nuovamente pres. del tribunale distr. della March. Zelante sostenitore dei conservatori nella contesa detta Hörner und Klauen, fu sospettato di avere istigato la rissa durante la Landsgemeinde di Rothenthurm (1838). I commissari fed. lo accusarono di corruzione.

Riferimenti bibliografici

  • P. Hüsser, Geschichte der Unabhängigkeitsbestrebungen in Ausserschwyz 1790-1840, [1926]
  • P. Wyrsch, Der Kanton Schwyz äusseres Land 1831-1833, 1981
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 6.5.1781 ✝︎ 8.1.1839