de fr it

NikodemSpichtig

Ritratto del Landamano. Olio su tela realizzato da Heinrich Keyser [Kaiser], 1837 (Rathaus Sarnen; fotografia Staatsarchiv Obwalden).
Ritratto del Landamano. Olio su tela realizzato da Heinrich Keyser [Kaiser], 1837 (Rathaus Sarnen; fotografia Staatsarchiv Obwalden).

15.2.1782 Sachseln, 11.10.1856 Sarnen, catt., di Sachseln e, dal 1824, di Sarnen (Freiteil). Figlio di Wolfgang, Consigliere e agente della Repubblica elvetica, e di Maria Regina Stockmann. (1806) Katharina Nikodema Wirz, figlia di Nikolaus Marquard Ignaz, intendente dell'arsenale e cronista. Dopo il collegio di Sarnen fu sottotenente nella seconda semibrigata elvetica (1799-1805). A Sarnen si occupò del commercio di ferramenta, polvere da sparo e formaggio; divenne inoltre il maggiore importatore di vino di Obvaldo dei suoi tempi e - affiancato da due soci - il più influente commerciante di legno. Mediatore di rendite fondiarie ed esattore di tributi, accrebbe il suo patrimonio grazie a transazioni di capitali. Nel 1824, in segno di riconoscenza per l'impegno in suo favore, Sarnen gli concesse la cittadinanza (Freiteilrecht). Fu intendente dell'arsenale (1815), Vicelandamano (1820-21) e otto volte primo Landamano (1825-46). In numerose occasioni rappresentò il cant. Untervaldo alla Dieta fed. Dal 1815 al 1847 fece parte della commissione risp. del Consiglio di guerra di Obvaldo. Nel 1836 divenne alfiere. Figura politica dominante di Obvaldo dal 1829, fu un autocrate controverso, che sfruttò la propria autorità contro gli avversari economici e politici. Conservatore convinto, sul piano cant. dal 1841 trasformò in un monopolio fam. la carica di Landamano, che controllò con Franz Wirz, suo ex pupillo, e Nicolaus Hermann, suo nipote; anche a livello fed. svolse un ruolo determinante. Inoltre diresse la conferenza della Lega di Sarnen (1832), fu avversario dei radicali nell'affare dei conventi di Argovia (dal 1841), cofondatore del Sonderbund (1843) e membro del suo Consiglio di guerra (dal 1846). Dopo la guerra del Sonderbund (1847), su pressione dei vincitori, abbandonò le sue cariche. Fino al 1851 mantenne ancora solo la gestione dell'appalto del sale, affidatogli nel 1829.

Riferimenti bibliografici

  • N. von Flüe, Restaurationszeit in Obwalden, 1998, 299-334
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Appartenenza familiare
Dati biografici ∗︎ 15.2.1782 ✝︎ 11.10.1856

Suggerimento di citazione

von Flüe, Niklaus: "Spichtig, Nikodem", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 08.01.2013(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/007334/2013-01-08/, consultato il 25.02.2021.