de fr it

Montjoie

Com. franc., Dip. Doubs; (1239: Monte Gyena). 160 ab. nel 1851, 89 nel 1901, 22 nel 1999. Sul territorio com. si trova un campo neolitico. Il castello dei signori de M. è menz. la prima volta nel 1278. Titolari di una signoria che si estendeva su entrambe le rive del Doubs, nel XIV e XV sec. furono vassalli del principe vescovo di Basilea, dei conti di Montbéliard, dei signori de Neufchâtel e dei duchi d'Austria. Poco inclini a sottomettersi, nel 1373 i baroni de M. furono richiamati all'ordine dai de Neufchâtel su richiesta del vescovo di Basilea. Nel XV sec. attaccarono gli Austriaci, ma l'intervento di Basilea, Berna e Soletta li costrinse ad arrendersi. Il castello fu poi distrutto dalle truppe franco-svedesi nel 1635. Dopo la guerra dei Trent'anni, coloni sviz. e alsaziani ripopolarono la signoria. La definizione esatta dei confini tra il principato vescovile di Basilea e la signoria di M. avvenne alla fine del XVIII sec.

Riferimenti bibliografici

  • J. F. N. Richard, Essai sur l'histoire de la maison et baronnie de Montjoie, 1860
  • P. Rebetez-Paroz, Les relations de l'évêché de Bâle avec la France au XVIIIe siècle, 1943
  • Dictionnaire des communes du département du Doubs, 4, 1985, 2228-2231