de fr it

Draillant

Com. franc., Dip. Alta Savoia; (1227: Drallens). Pop: 30-50 fuochi nel XV sec., 392 ab. nel 1988, 564 nel 1999. Fu sede di un priorato cluniacense dipendente da quello di S. Vittore di Ginevra, nella castellania savoiarda di Allinges. La chiesa, fondata prima del 1227, è dedicata a S. Pietro. Nel 1536, quando le conquiste territoriali vennero divise fra Berna e Ginevra, il recesso di Basilea (1544) accordò a Ginevra 14 benefici, fra cui D., che rimase parrocchia rif. anche dopo la restituzione dello Chablais alla Savoia nel 1564. Nel 1589 il duca di Savoia riacquistò i beni della chiesa e nominò un priore. Il trattato di Saint-Julien assegnò nel 1603 i beni e le rendite di D. a Ginevra, ma la Riforma non venne ripristinata. Nel 1754, con il trattato di Torino, tutti i diritti passarono definitivamente alla Savoia. Com. rurale, D. è stato unito al com. di Perrignier dal 1974 al 2000.

Riferimenti bibliografici

  • HS, III/2, 329 sg.