de fr it

Vienne

Città della valle del Rodano (Dip. Isère), antica capitale degli Allobrogi, fu sede di un'arcidiocesi fino al 1801. Il carattere metropolitano dell'Ecclesia Viennensis, regione in cui il cristianesimo penetrò molto presto (metà del II sec.), fu attestato per la prima volta al concilio di Torino nel 398. La sua giurisdizione risentì delle molteplici vicissitudini dovute alla rivalità tra i vescovi di Arles e V. La diocesi di Ginevra, annessa a V. nel 398, poi ad Arles nel 417, tornò a essere suffraganea di V. nel 450 (con Valence, Grenoble e Tarantasia) e restò tale fino al concordato del 1801, quando l'arcidiocesi venne soppressa de iure (de facto nel 1790). La diocesi di Sion fu probabilmente suffraganea di V. dal VI all'VIII sec., epoca in cui fu annessa (con Aosta) alla metropoli di Tarantasia, separata da V. tra il 794 e l'810/811.

Riferimenti bibliografici

  • HS, I/3, 331-356
  • Catholicisme: hier, aujourd'hui, demain, 15, 2000, col. 1078-1092 (spec. col. 1079)
  • LThK, 10, 20013, col. 777 sg.
Link
Controllo di autorità
GND